Pianosequenza.net
Immagine
 Godard... di Emanuele P.
 
"
Il cinema sostituisce il nostro sguardo con un mondo più in sintonia con i nostri desideri.

André Bazin
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 12/09/2012 @ 14:43:57, in Al Cinema, linkato 1167 volte)

Prometheus
(Prometheus)
Ridley Scott, 2012 (Usa, Gran Bretagna), 124’
uscita italiana: 14 settembre 2012
voto su C.C.
Anno 2089. Due scienziati (Noomi Rapace e Logan Marshall-Green) teorizzano che una civiltà delle stelle è stata l’iniziatrice della vita sulla Terra: si tratta di “creatori” super-intelligenti che senza dubbio vale la pena di incontrare, per rispondere a tutte le domande più ardite poste da biologi e filosofi nel corso di millenni su vita, morte e conoscenza. Un multimiliardario morente (Guy Pearce imbalsamato dal trucco) è pronto a finanziare la spedizione, mettendo a disposizione la navicella “Prometheus” ed un equipaggio di tutto rispetto, che annovera anche la sua figlia disconosciuta (Charlize Theron) e l’amato robot dalle sembianze umane (Michael Fassbender). L’incontro con ciò che resta di questi primordiali antenati diventerà, prevedibilmente, una battaglia per la sopravvivenza.
Pur nato come forzato prequel del blockbuster Alien (1979), Prometheus nella sua prima parte nutre le speranze dello spettatore proponendo accattivanti premesse, abbellite da uno stile che strizza l’occhio al consueto progenitore del genere (2001): il misterioso incontro con delle divinità “laiche”, in grado di stuzzicare anche la curiosità dei più prevenuti, sembra infatti un corollario originale alla vostra banale storia su alieni antropomorfi dagli intenti bellicosi. Queste buone intenzioni aiutano poi a chiudere un occhio sulla caratterizzazione grossolana dei vari membri dell’equipaggio, dei quali è facile intuire sin dall’inizio lo stereotipato ruolo e soprattutto il momento in cui la sceneggiatura sarà pronta a sbarazzarsi di loro. Lo sbarco sul mitologico pianeta dei “creatori” è però foriero di enorme delusione, perché ben presto s’intuisce che Ridley Scott (insieme ai suoi compagni d’avventura Jon Spaihts e l’ex autore di Lost Damon Lindelof) è deciso ad abbandonare ogni intento di recherche pseudo-filosofica per lanciarsi a capofitto verso la strada più sicura in termini di botteghino: quella cioè tracciata dal precursore Alien e ormai consumata da trent’anni di sequel e stucchevoli variazioni sul tema. Senza voler svelare più del dovuto, basti notare che le famigerate domande esistenziali vengono snobbate per far spazio ad una sufficiente dose di serpentelli malefici e contaminazioni disgustose; allo Star-Child di kubrickiana memoria (che sembrava illuminare il percorso degli autori durante l’incipit) si sostituisce l’ennesima versione dell’ “alien-child”, la bestiaccia simil-mollusco che colonizza l’addome della povera Noomi Rapace, quasi a volerla punire per essere stata l’unica, nel corso del film, a perseverare nella ricerca di verità assolute su fede, vita e creazione.
Con Prometheus, Scott si conferma abile orchestratore di kolossal a tavolino, perfettamente a suo agio con ambientazioni mastodontiche ed uso massiccio di effetti speciali – merita ammirazione il Fassbender decapitato che prosegue flemmatico nella sua recitazione da caratterista; allo stesso tempo il regista britannico dimostra ancora una volta l’incapacità di proporre qualcosa che non sia pretenziosamente banale. Ad un neofita del genere (come chi scrive) in più di una occasione durante lo sviluppo della storia viene il sospetto di aver già visto almeno in un paio d’occasioni la stessa sequenza o lo stesso escamotage narrativo, sensazione che diventa quasi certezza durante l’epilogo, allestito ad hoc per preparare il campo al secondo episodio (già, l’idea è quella di un prequel in due parti, giusto per raschiare bene il fondo del barile). È allora che tornano alla mente le scene del trailer italiano, nel quale si è bombardati da aggettivi pieni di entusiasmo tratti da misteriose recensioni; una sfida appassionante potrebbe essere tentare di leggere le minuscole didascalie che ne segnalano gli autori.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 09/09/2012 @ 15:23:46, in Re per una notte, linkato 1064 volte)

Si è conclusa ieri la 69esima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica ospitata dalla Biennale di Venezia.

Ecco l'elenco completo dei premiati:

LEONE D’ORO per il miglior film a:
PIETA di Kim Ki-duk (Corea del Sud)
 
LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a:
THE MASTER di Paul Thomas Anderson (Stati Uniti)
 
PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a:
Paradies: Glaube di Ulrich Seidl (Austria, Germania, Francia)
 
COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione maschile a:
Philip Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix
nel film THE MASTER di Paul Thomas Anderson (Stati Uniti)
 
COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione femminile a:
Hadas Yaron
nel film LEMALE ET HA’CHALAL di Rama Bursthein (Israele)
 
PREMIO MARCELLO MASTROIANNI
a un giovane attore o attrice emergente a:
Fabrizio Falco nel film
BELLA ADDORMENTATA di Marco Bellocchio (Italia)
e È STATO IL FIGLIO di Daniele Ciprí (Italia)
 
PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a:
Olivier Assayas
per il film APRES MAI di Olivier Assayas (Francia)
 
PREMIO PER IL MIGLIORE CONTRIBUTO TECNICO, PER LA FOTOGRAFIA, a:
Daniele Ciprì
per il film È STATO IL FIGLIO di Daniele Ciprì (Italia)
 
 

LEONE DEL FUTURO - PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a:
KÜF (MOLD) di Ali Aydin (Turchia, Germania)
 
PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR FILM (riservato ai lungometraggi) a:
SAN ZIMEI di Wang Bing (Francia, Hong Kong)
 
PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA ORIZZONTI (riservato ai lungometraggi) a:
TANGO LIBRE di Frédéric Fonteyne (Francia, Belgio, Lussemburgo)
 
PREMIO ORIZZONTI YOUTUBE PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO a:
CHO-DE di Yoo Min-young (Corea del Sud)
 
EUROPEAN FILM AWARDS 2012-EFA a:
TITLOI TELOUS di Yorgos Zois (Grecia)
 
 
 
LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2012
a: Francesco Rosi
 
JAEGER-LECOULTRE GLORY TO THE FILMMAKER
a: Spike Lee
 
PREMIO PERSOL
a: Michael Cimino
 
PREMIO L’ORÉAL PARIS PER IL CINEMA
a: Giulia Bevilacqua

Mouse d'Oro, il premio della critica online:

Mouse d’Oro 2012
a Pieta di Kim Ki-duk
“per aver saputo ritrovare l’ispirazione personale attraverso un cinema contemporaneamente di genere e autoriale, rappresentando i temi cari al regista: compassione, senso di colpa ed espiazione”

Mouse d’Argento 2012
a Anton tut ryadom (Anton’s Right Here) di Lyubov Arkus
“per la lezione sull’etica dello sguardo nei confronti del dolore degli altri”

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


25/02/2017 @ 23:49:17
script eseguito in 47 ms