Pianosequenza.net
Immagine
 Petri... di Emanuele P.
 
"
Il mio primo film era così brutto, che in sette stati americani aveva sostituito la pena di morte.

Woody Allen
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 27/08/2012 @ 14:58:21, in Al Cinema, linkato 1228 volte)

Medianeras
(Medianeras)
Gustavo Taretto, 2011 (Argentina, Germania, Spagna), 95’
uscita italiana: 24 agosto 2012
voto su C.C.
Mariana (Pilar López de Ayala) e Martin (Javier Drolas) vivono a pochi metri di distanza in angusti monolocali che rispecchiano il loro animo di trentenni inquieti e soli: entrambi hanno concluso da poco una relazione lunga con un partner scoperto ben diverso da ciò che avevano creduto, entrambi isolati dal mondo da un lavoro (vetrinista lei, web-designer lui) sufficiente a farli sopravvivere, ma poco di più. Dopo improbabili compagni occasionali e qualche momento di sconforto scopriranno che l’amore è più vicino di quanto possano credere. Basta aprire la finestrella (abusiva) che spunta sulla “medianeras” del loro palazzone.
L’esordiente Gustavo Taretto confeziona con pochi fondi e qualche idea ben chiara un piccolo gioiello. Il suo Medianeras colpisce infatti sin dai primi minuti, nei quali i protagonisti ci vengono presentati con una verbosa introduzione, rigorosamente fuori campo. Questo espediente, in genere stucchevole, definisce invece la cifra dell’intero film, in cui l’introspezione trionfa e le vite dei protagonisti ci vengono rivelate solo dal loro personalissimo (e ristretto) punto di vista. Mariana e Martin, pur non sapendolo, condividono passioni ed idiosincrasie convinti di essere esemplari unici al mondo: per quanto si sforzino di conoscere altra gente, restano inesorabilmente delusi dal prossimo, scottati dall’esperienza degli anni precedenti. In ogni momento s’incrociano (per strada, in piscina, fuori da un locale) ma sembrano incapaci di notare l’esistenza dell’altro, nonostante si tratti forse proprio di quella persona che stanno cercando con tanta ostinazione.
Buenos Aires fa da spettacolare palcoscenico, con la sua schizofrenica (dis)organizzazione architettonica che appare la metafora perfetta della vita di una generazione di giovani adulti; un miscuglio di stili ed intenzioni in cui una enorme pubblicità può diventare arte, e sulla quale aleggiano i postumi di una crisi economica che ha messo in pericolo il futuro di molti.
Con ricercati riferimenti pop (il Daniel Johnston di True love will find you in the end, le scene finali di Manhattan) e quel sapore agrodolce che pochi autori riescono a rendere come i sudamericani, Taretto mette in scena una storia d’amore in modo insolito, cioè mostrandoci premesse e protagonisti e lasciando al solo finale l’unico momento in cui questa promessa di felicità sembra avere realizzazione, proprio quando il pessimismo aveva preso il sopravvento. Dulcis in fundo, con la “copertura” da film disimpegnato, Medianeras offre uno dei ritratti più sinceri della nostra generazione (quella dei trentenni nell’epoca della comunicazione globale e del WWW) che siano stati proposti al cinema negli ultimi anni.
Scoperta.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 21/08/2012 @ 16:35:38, in Cattiva Maestra Televisione, linkato 1051 volte)

The Sorkin Way: di corsa, intelligenti, blateranti
The Newsroom
di Aaron Sorkin, 2012 (USA)
Prima stagione, 10 episodi da 60’

Prospettato come l’happening socio-culturale dell’estate americana da molti ammiratori (e da almeno altrettanti haters), The Newsroom è infine sbarcato a giugno sugli schermi della HBO. Il motivo di un tale fermento era attribuibile principalmente al celebrato nome dell’autore, quel Aaron Sorkin che grazie alla sua decennale carriera da sceneggiatore per TV e cinema (The West Wing, The Social Network) è riuscito a guadagnarsi una meritata celebrità, che per una popolosa tribù si è trasformata in qualcosa di più simile alla venerazione.
Lo show ha come protagonista Will McAvoy (Jeff Daniels) apprezzato anchorman televisivo che in seguito ad una gaffe durante un incontro pubblico è costretto a vedere sotto una nuova luce la sua avventura nel mondo delle news. Infatti, al ritorno dalla “vacanza” forzata imposta dai piani alti, Will scopre che la maggior parte della sua redazione è scappata dalla nave che affonda (verso un nuovo show, gestito dall’ex producer, Thomas Sadoski) mentre sono rimasti solo una fedele assistente (Alison Pill) e il carismatico superiore-mentore Charlie Skinner (Sam Waterston, straordinario), che tra le macerie intravede una insospettabile prospettiva: dare vita ad un nuovo programma, nel quale l’informazione non sia più schiava di audience e profitti ma possa ambire a giocare un ruolo di primo piano nella formazione culturale di una nuova generazione di americani – così come avevano fatto gli illustri predecessori che vengono presentati in formato-elegia durante i titoli di testa di ogni episodio. Questa missione, degna del proverbiale Don Chisciotte, prevede un alleato infaticabile ed idealista (Emily Mortimer) che vanta un rapporto “complicato” con il nostro Will, ed ovviamente un antagonista (pre)potente e pericoloso, incarnato dai vertici del network che mal digeriscono il cambio di rotta del loro programma di punta, divenuto d’un tratto troppo indipendente per non creare qualche problema politico e dunque economico.
The Newsroom, ça va sans dire, è bollato-Sorkin dalla prima alla ultimissima scena, con tutti i pregi e i difetti che questo può comportare: dialoghi verbosi, pronunciati velocemente e sempre messi in scena da personaggi che sono troppo indaffarati ed intelligenti per sembrare veri, perenne frenesia da incombente catastrofe, idealismo stiracchiato che rischia di divenire indigesto.  Eppure, nonostante tutte le sue debolezze, lo show risulta in qualche modo accattivante, perché così diverso dai serial a cui siamo abituati; anche i più accesi detrattori devono farsene una ragione: Sorkin, piaccia o no, il suo mestiere lo conosce bene. Questo è evidente in ogni episodio, nel modo sottile in cui s’incastrano puntualmente tutti i pezzi del puzzle, nella caratterizzazione (talvolta sopra le righe) dei personaggi, che riescono nel difficile compito di non restare mai indifferenti allo spettatore. Tra una frecciata sarcastica e l’altra è impossibile non innamorarsi del protagonista, interpretato da uno scintillante Jeff Daniels, la cui essenza è racchiusa tutta nella geniale sequenza del primo episodio in cui si definisce, tra lo stupore dei collaboratori, “affable”.
Tutti i momenti più brillanti del serial non cancellano però la sensazione che si tratti di una mezza occasione mancata, perché The Newsroom nasconde tra i suoi petali spine difficili da ignorare. A partire dalla sigla, l’intera cifra stilistica dello show appare (chissà quanto volutamente) agée, anacronistica, indietro di almeno di un decennio: un trionfo di musiche di sottofondo capaci di minare l’efficacia persino della migliore tra le scene drammatiche. C’è inoltre una ricerca spesso forzata del colpo di scena, concepito meccanicamente e dunque, di nuovo, capace di rovinare la migliore delle idee – quale esempio più efficace della sequenza che conclude il “pilota”. Si tratta di ruvidezze che col passare degli episodi sono state limate, pur restando parte integrante degli ingranaggi di questo titano della tv via cavo.
L’atmosfera da perenne “dietro le quinte”, che solo raramente si affaccia nella diretta, aiuta a creare i presupposti per tutte le trame secondarie indispensabili a coinvolgere un significativo numero di personaggi e tematiche, dai momenti “comici” sino a quelli, decisamente meno riusciti, che virano verso la soap opera; è qui che viene messa in luce l’ottima qualità del cast, nel quale figurano sia habituée del piccolo schermo che attori prestati dal cinema.
Volendo fare a tutti i costi quelli che malpensano verrebbe da chiedersi: l’idea dello show ha qualcosa a che fare con le imminenti elezioni presidenziali (o con qualche messaggio che, tra le righe, vuole inviare a questa “famosa” nuova generazione americana da salvare dal brainwashing televisivo)?
Anche fosse, c’è da ringraziare Sorkin, se non altro per aver dato alla luce un serial riguardo cui è diventato così di moda avere una opinione, meglio se sferzante. E magari c’è da essere, sempre tra le righe, profondamente d’accordo col messaggio (presunto) che l’autore vuole mandare:
Yes We (still) Can.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


27/02/2017 @ 19:11:21
script eseguito in 31 ms