Pianosequenza.net
Immagine
 Rossellini... di Emanuele P.
 
"
Il cinema sostituisce il nostro sguardo con un mondo più in sintonia con i nostri desideri.

André Bazin
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 28/03/2010 @ 19:29:40, in Al Cinema, linkato 2484 volte)

Shutter Island
(Shutter Island)
Martin Scorsese, USA (2010), 138'
uscita italiana: 5 marzo 2010
voto su C.C.

Iniziamo con una criminosa meta-citazione: a proposito di Shutter Island, Anthony Lane (New Yorker) ci ricorda un saggio firmato Umberto Eco nel quale si dice, riguardo Casablanca «Due cliché fanno ridere. Cento cliché commuovono. Perché si avverte oscuramente che i cliché stanno parlando tra loro e celebrano l'essersi ritrovati». Questo aforisma si adatta perfettamente alla più recente opera di un coraggioso Martin Scorsese, intento a nobilitare con le sue capacità ognuna delle peculiari caratteristiche proprie dei cosiddetti B-movie.
Il protagonista di questo thriller con una divertita vena horror è l'attore feticcio dell'ultimo decennio scorsesiano, Leonardo DiCaprio, che interpreta un agente federale incaricato di indagare insieme al collega Mark Ruffalo sulla misteriosa sparizione di una donna dal manicomio-penitenziario di Shutter Island, atollo sperduto nella baia di Boston. Siamo nel 1954 e l'unico collegamento con il resto del mondo è rappresentato da un diabolico traghetto (che si trova a passare solo quando serve alla trama) oltre che da linee telefoniche provvidenzialmente interrotte. L'ennesima variante dell'enigma “omicidio in camera chiusa dall'interno” è pronto ad essere affrontato, con tanto di insospettabili e cervellotici colpi di scena.

Quello di Scorsese è un intelligente bluff: il maestro americano attinge sì con straordinaria verve all'immaginario proprio dei film di infima categoria (utilizzando ognuno dei cliché a sua disposizione in modo ammirevole) ma lo fa avvalendosi di una maestosa macchina produttiva che gli mette a disposizione tecnici del calibro di Dante Ferretti (scenografia), Robert Richardson (fotografia), la aficionado Thelma Schoonmaker (montaggio), oltre ad un cast di primissimo ordine, nel quale anche i ruoli secondari sono affidati a “nomi” come Ben Kingsley, Max von Sydow o l'emergente Michelle Williams. Nessuno dei famigerati registi di B-movie avrà mai pensato di potersi permettere un film lungo più di due ore, con una lista di produttori che supera quella dei personaggi principali; è altresì certo che, allo stesso modo, nessuno era stato benedetto con un decimo del talento concesso a Scorsese, e il nostro amato Martin dimostra ancora una gran voglia di sperimentare, di sorprendere – al contrario di molti suoi affermatissimi, e spesso più giovani, colleghi. La caratteristica ambientazione è il principale punto di forza dell'intera opera, incarnando un paradosso: quello della claustrofobia “a cielo aperto”. Nonostante la maggior parte delle scene abbia luogo in esterni, non manca mai un senso di angoscia inevitabile, dato dal tempo inclemente e dall'atmosfera che si respira incessantemente nella enigmatica Shutter Island, dove ogni pietra nasconde un cliché ed un sussulto.
La cifra stilistica di Scorsese si adatta magistralmente alla trasposizione del romanzo di Dennis Lehane (già “prestato” al cinema con gli ottimi Mystic River e Gone Baby Gone), che lascia molto spazio creativo al regista, concedendogli la licenza di “mentire” allo spettatore in funzione d'un più efficace colpo di scena finale – fu proprio Hitchcock col suo Paura in Palcoscenico uno dei primi, criticatissimi, ad utilizzare questo tipo di stratagemma, proposto più recentemente in film come Il Sesto Senso e The Others. La trama diventa sempre più tortuosa col passare dei minuti, quasi seguendo l'involuzione del nostro alter ego (un DiCaprio che sembra aver trovato piena realizzazione in questi ruoli di uomo tormentato) e può indurre qualcuno a storcere un po' il naso, perché insofferente all'attesa di una scena con maceti insanguinati e maniaci incontrollabili. In quel caso il tapino potrebbe essersi solo perso nel suo multisala di fiducia.
Ammirevole.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 24/03/2010 @ 16:09:08, in Al Cinema, linkato 1927 volte)

Mine Vaganti
(Mine Vaganti)
Ferzan Ozpetek, 2010 (Italia), 110'
uscita italiana: 12 marzo 2010
voto su C.C.

Tommaso (Riccardo Scamarcio) torna all'ovile salentino dopo un volontario esilio romano per fare il suo tanto agognato coming out e tagliare definitivamente i ponti col passato nel modo più plateale possibile: cioè di fronte ad una tavolata di sbigottiti parenti. Il problema è che il fratello Antonio (Alessandro Preziosi), quello bravo, tutto casa, chiesa e lavoro, sorprendentemente gli ruba l'idea e lo anticipa, rendendo nota la sua insospettabile omosessualità e causando un infarto al pater familias (Ennio Fantastichini). Questo costringe il povero Tommaso ad ereditare il controllo del pastificio di famiglia – insieme alla piacente Nicole Grimaudo –, ad abbandonare momentaneamente gli “scomodi” amici di Roma e a ritagliarsi lo spazio per l'unico interesse che coltiva invano (la scrittura) solo in piena notte. In qualche modo però tutto tornerà a posto nel prevedibile finalino rassicurante.

Ferzan Ozpetek rischia ormai da decenni di rimanere schiavo delle tematiche sociali e semi-malinconiche che sembrano appartenergli da copyright; Mine Vaganti non fa eccezione nonostante l'apprezzabile buona volontà che il regista italo-turco e soprattutto l'ottimo Ivan Cotroneo (autore della sceneggiatura) dimostrano nel costruire un incipit complesso e sicuramente originale per la loro storia. Il film però col passare dei minuti si trasforma inesorabilmente in farsa, a momenti anche divertente ma prevedibile e conservatrice. Infatti nonostante la storia sembrerebbe provarci il contrario (siamo pieni di personaggi che alla fine si scrollano di dosso i tradizionali cliché sulla vita di paese) il modo col quale questa ci viene raccontata è banale, quasi reazionario, da affidabile fiction per il prime-time di rai uno, che punta a non infastidire nessuno. Sono proprio le principali “mine vaganti” del film, i personaggi che dovrebbero creare scompiglio e preoccupazioni, che confermano questo desolante trend: c'è la nonna arzilla con un passato sentimentale turbolento (personaggio e trama secondaria della quale secondo noi la sceneggiatura avrebbe potuto fare tranquillamente a meno), pronta ad ergersi come la eroina del buon senso e della saggezza; ci sono gli amici gay del protagonista, finalmente in sintonia con l'immaginario collettivo grazie al loro carico di smorfie, urletti e creme idratanti; e c'è infine il figliol prodigo che col suo ritorno risolverà ogni problema insieme alla tanto vituperata “figlia femmina”, liberata dal fardello dell'essere solo casalinga – vero e proprio en plein, in questo caso.
Il film resta comunque ben recitato (da segnalare oltre all'inedito Scamarcio in versione a-virile anche l'interpretazione di Elena Sofia Ricci), mai stucchevole al contrario di molte opere precedenti firmate Ozpetek e nobilitato dal pregevole contrappunto musicale di Pasquale Catalano. Spiace dirlo ma proprio il suo essere “italiano” sembra una giustificazione alle manchevolezze e alla mediocrità formale di alcuni suoi momenti – siamo ormai preoccupantemente abituati ad accontentarci di poco: rispetto a Germi, Monicelli e Scola, al contrario di quanto si può leggere in giro, stiamo parlando di un altro sport.
Tradizionalista in maschera.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 08/03/2010 @ 12:20:31, in Re per una notte, linkato 1383 volte)

Con la premiazione di stanotte si è conclusa l'annuale consegna degli Oscar (82esima edizione), che pare aver vendicato in modo fin troppo evidente Kathryn Bigelow e il suo The Hurt Locker, che distrugge (grazie al cielo) ogni proposito di conquista dell'iper-sopravvalutato Avatar. Per la prima volta è il film di una donna a dominare la kermesse (6 statuette pelate su 9 nominations, vittoria in tutte le categorie che contano veramente), peccato che non la pensino allo stesso modo i distributori nostrani: il film (come già Redacted di Brian De Palma) è in anteprima solo su SKY.
Noi speravamo, ovviamente, che Tarantino in qualche modo potesse trionfare in almeno un paio delle categorie nelle quali il suo Inglorious Basterds era accreditato, ma ci accontentiamo di una meritatissima vittoria: quella dello straordinario Christoph Waltz. Come da programma trionfano anche Jeff Bridges e Sandra Bullock; tra i film oltre agli già citati The Hurt Locker (6) e Avatar (3), premiati Precious (2), Crazy Heart (2) ed Up (2).

Ecco l'elenco completo dei vincitori:

Best Picture
“The Hurt Locker”

Directing
“The Hurt Locker” Kathryn Bigelow

Writing (Adapted Screenplay)
“Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire” Screenplay by Geoffrey Fletcher
  
Writing (Original Screenplay)
“The Hurt Locker” Written by Mark Boal

Actor in a Leading Role
Jeff Bridges in “Crazy Heart”
 
Actor in a Supporting Role
Christoph Waltz in “Inglourious Basterds”

Actress in a Leading Role
Sandra Bullock in “The Blind Side”
 
Actress in a Supporting Role
Mo’Nique in “Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire”

Animated Feature Film
“Up” Pete Docter

Art Direction
“Avatar” Art Direction: Rick Carter and Robert Stromberg; Set Decoration: Kim Sinclair
 
Cinematography
“Avatar” Mauro Fiore
  
Costume Design
“The Young Victoria” Sandy Powell

Documentary (Feature)
“The Cove” Louie Psihoyos and Fisher Stevens
 
Documentary (Short Subject)
“Music by Prudence” Roger Ross Williams and Elinor Burkett
   
Film Editing
“The Hurt Locker” Bob Murawski and Chris Innis

Foreign Language Film
“The Secret in Their Eyes (El Secreto de Sus Ojos)” Argentina

Makeup
“Star Trek” Barney Burman, Mindy Hall and Joel Harlow
 
Music (Original Score)
“Up” Michael Giacchino

Music (Original Song)
“The Weary Kind (Theme from Crazy Heart)” from “Crazy Heart” Music and Lyric by Ryan Bingham and T Bone Burnett


Short Film (Animated)
“Logorama” Nicolas Schmerkin
   
Short Film (Live Action)
“The New Tenants” Joachim Back and Tivi Magnusson

Sound Editing
“The Hurt Locker” Paul N.J. Ottosson
 
Sound Mixing
“The Hurt Locker” Paul N.J. Ottosson and Ray Beckett

Visual Effects
“Avatar” Joe Letteri, Stephen Rosenbaum, Richard Baneham and Andrew R. Jones



 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 06/03/2010 @ 12:39:37, in Al Cinema, linkato 2136 volte)

Revanche – Ti ucciderò
(Revanche)
Götz Spielmann, 2008 (Austria), 121'
uscita italiana: 5 marzo 2010
voto su C.C.  

Nell'Austria dei nostri giorni si intrecciano drammaticamente le vite di due coppie agli antipodi. La prima, che ci viene mostrata in apertura con tanto di meraviglioso scorcio bucolico, è composta da un fin troppo zelante poliziotto di provincia (Andreas Lust) e dalla sua annoiata consorte (Ursula Strauss), angustiata da una maternità che ormai rischia di allontanarsi definitivamente (lui è sterile, lei invecchia ed ha già subito un aborto spontaneo); la seconda coppia sopravvive invece nella periferia di una Vienna fredda e disumanizzata, in un bordello nel quale lavora da tuttofare l'ingenuo Alex (Johannes Krisch), innamorato di una ragazza ucraina (Irina Potapenko) che lo ricambia clandestinamente. Le due strade s'incontrano a metà, di fronte ad una piccola banca di paese nella quale Alex tenta di portare a termine una goffa rapina “perfetta” per salvare il futuro della sua dama in pericolo, ma l'esito sarà così insospettabilmente tragico da costringerlo ad un forzato esilio in campagna, dove bramare propositi di vendetta (la revanche del titolo originale).

L'austriaco Götz Spielmann, che firma sceneggiatura e regia, dimostra una più che discreta capacità di cristallizzare le emozioni in questo suo racconto morale (la buon'anima di Rohmer ci scuserà), più favola che thriller o noir. L'evoluzione della storia infatti sorprende con l'abbandono repentino e assolutamente apprezzabile della realtà descritta con acume nella prima parte del film – degrado, indignazione, passione, persino speranza – sostituita con la dimensione fiabesca dell'ultima ora, nella quale assistiamo ad un sistematico e costante arrovellarsi del povero Alex, che la città ha reso un aspirante delinquente – come gli rinfaccia il vetusto ed arzillo nonno (Johannes Thanheiser) – non “abbastanza duro” da diventarlo realmente. Il caso lo pone di fronte all'assassino della sua amata Tamara, arma la sua mano per la prima vera volta (persino la rapina era stata compiuta con una pistola scarica), ma non riesce a cambiare la sua indole innata, a convincere la sua sonnacchiosa, ma presente, coscienza.
Il film, molto ben interpretato, dura purtroppo qualche minuto in più del necessario, quando Spielmann, sino a quel momento impeccabile anche se un po' troppo accademico – ci tiene a lasciare una sua firma esitando a lungo su scenari inanimati – pretende che dopo il significativo confronto tra i due disgraziati, a loro modo ugualmente colpevoli, ci sia anche un successivo momento chiarificatore superfluo e innaturale. La favola morale raccontata nel suo Revanche avrebbe potuto concludersi proprio pochi minuti prima, completando il proverbiale cerchio con la stessa sequenza dell'enigmatico prologo: la metafora dello specchio d'acqua che ritorna inevitabilmente al suo stato di quiete dopo che un oggetto (una allegorica pistola, come avremo modo di scoprire) ne aveva increspato la superficie generando tante piccole onde. Perché, alla fine, tutto ritorna ad una forzata normalità.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 02/03/2010 @ 11:47:03, in Frames, linkato 1867 volte)

Piano sequenza dal film:

La damigella d'onore
(La demoiselle d'honneur)
Claude Chabrol, Francia (2004), 110'

Un'altra straordinaria sequenza per la nostra collezione, da uno dei Maestri della Nouvelle Vague.

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


27/02/2017 @ 19:12:07
script eseguito in 94 ms