Pianosequenza.net
Immagine
 Ferreri... di Emanuele P.
 
"
Ho deciso di diventare regista quando in televisione ho visto «C'era una volta il west». Guardare quel film è stato come aprire un libro sull'arte della regia.

Quentin Tarantino
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 30/01/2010 @ 11:27:02, in Anteprime, linkato 2371 volte)

Brevi interviste con uomini schifosi
(Brief Interviews with Hideous Men)
John Krasinsky, 2008 (Usa), 80’
 
Temevo questo momento. Il giorno in cui un giovane e supponente “autore” del cinema americano, probabilmente indipendente, avrebbe proposto nel pieno di un acceso brainstorming qualcosa tipo “ideona! che ne dite di un bel film tratto dai racconti di David Foster Wallace?”.
La brillante idea (considerata tale solo dai pochi incapaci di apprezzare l’assoluta genialità di DFW) è venuta a mr John Krasinsky , un attorucolo alla prima da regista, forse conosciuto per il serial tv The Office nel quale mostra da numerose stagioni il suo enorme faccione tipicamente americano.
La scelta di Brief Interviews with Hideous Men come raccolta di racconti dai quali trarre un film, mette in luce la presenza di un vero e proprio masochismo latente nelle intenzioni del povero Krasinsky, che si ritrova fra le mani un insieme confuso ed eterogeneo di istantanee sul mondo maschile (raccolte più o meno sapientemente da Wallace sotto forma di questionario), prive di un comun denominatore diverso dalla spregevolezza innata del nostro genere. Per questo il giovane americano si affanna a costruire un ipotetico fil rouge tra i vari episodi, rappresentato dall’approccio non convenzionale di una ragazza (Julianne Nicholson) ad una ricerca accademica sul femminismo, e si concede la licenza di inventare ulteriori “interviste” non presenti nella raccolta originale. Infine, con un tocco di egocentrismo che non passa inosservato, si ritaglia un personaggio cruciale nello sviluppo degli eventi (il protagonista della B.I. #20, vero e proprio capolavoro di DFW), interpretando da par suo quello che nelle intenzioni avrebbe dovuto essere l’illuminante finale della pellicola.
Ne esce però fuori solo uno sconclusionato ed a tratti estenuante susseguirsi di individui disgustosi, che perde ogni significato con la sua trasposizione cinematografica; nonostante Krasinsky provi ad utilizzare un paio di scaltre trovate stilistiche per ravvivare la narrazione (il momento migliore del film è probabilmente il segmento in “finto-flashback” nel quale recita Christopher Meloni) diventa evidente la fatica fatta per riempire gli ottanta minuti di pellicola. Alcune delle B.I. scelte non hanno alcuna attinenza con la storia, altre vengono proposte in modo così pedissequo ed approssimativo da divenire solo noiose; persino il fulcro di tutta la raccolta di Wallace, la già citata B.I. #20, viene svilita da una contestualizzazione discutibile e pretenziosa.
Krasinsky non omaggia DFW, si limita a scimmiottare i suoi personaggi o ad “adattarli” alla sciagurata logica della sceneggiatura che ha concepito, e paradossalmente (ma non tanto, a pensarci bene) riesce ad essere lontanamente brillante solo nelle sequenze originali, quelle scritte appositamente per il cinema. Speriamo lo abbia capito anche lui.
Oltraggioso.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 26/01/2010 @ 13:50:11, in Re per una notte, linkato 1474 volte)

Assegnati come ogni anno i premi dell'associazione nazionale dei critici americani: si tratta di un vero e proprio plebiscito per The Hurt Locker di Kathryn Bigelow, film molto apprezzato tra gli addetti ai lavori ma destinato a restare senza celebrazioni mondane - ben poco interesserà all'autrice, aggiungiamo.

Ecco l'elenco dei premi:

Best Picture:
The Hurt Locker

Best Foreign-Language Film:
Summer Hours - L'heure d'été (France)

Best Non-Fiction Film:
The Beaches of Agnes

Best Director:
Kathryn Bigelow, The Hurt Locker

Best Actor:
Jeremy Renner, The Hurt Locker

Best Actress:
Yolande Moreau, Seraphine

Best Supporting Actor (parimerito):
Christoph Waltz, Inglourious Basterds, and Paul Schneider, Bright Star

Best Supporting Actress:
Mo’Nique, Precious: Based on the novel ‘Push’ by Sapphire

Best Screenplay:
Joel and Ethan Coen, A Serious Man

Best Cinematography:
Christian Berger, The White Ribbon

Best Production Design:
Nelson Lowry, Fantastic Mr. Fox

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 22/01/2010 @ 15:20:47, in Al Cinema, linkato 2160 volte)

Sherlock Holmes
(Sherlock Holmes)
Guy Ritchie, 2009 (Usa, Gran Bretagna, Australia), 128'
uscita italiana: 25 dicembre 2009
voto su C.C.

Finalmente Guy Ritchie è tornato a dirigere un film sui suoi sorprendenti standard (Lock and Stock, Snatch), dopo essersi inaridito nelle vesti di Mr. Ciccone e aver collezionato una serie di insuccessi che rischiavano di frustrare le capacità creative di uno dei registi più interessanti della sua generazione. Paradossalmente l’autore britannico è riuscito nell’impresa proprio girando il più “rischioso” dei film possibili, ispirato ad una vera e propria icona inglese del secolo scorso, in decine di occasioni chiamata in causa dalla celluloide: Sherlock Holmes. La più grande intuizione di Ritchie (e soprattutto della sua truppa di sceneggiatori: Johnson, Peckham, Kinberg e Wigram) è quella di allontanarsi dal consueto approccio cinematografico utilizzato per raccontare le avventure dell’eroe inventato da sir Arthur Conan Doyle, che troppo spesso si risolveva in un semplicistico bivio tra l’accurata verosimiglianza o la commedia forzata (miglior esempio di quest’ultimo registro è La vita privata di Sherlock Holmes, scritto e diretto da Billy Wilder).
Questo Sherlock Holmes infatti, pur ispirandosi alle vicende narrate dal medico scozzese, ne modernizza personaggi e rapporti, rendendo la coppia di investigatori quasi più simile ad un consolidato duo di eroi da graphic novel. E l’espediente funziona. In questo contesto la cifra stilistica di Ritchie (montaggio serrato, slow motion, uso personalissimo della linea temporale) viene valorizzata al meglio, così come la coppia di interpreti Robert Downey Jr-Jude Law, che rende i protagonisti pienamente consoni allo spirito del film. Anche la storia, originale, contribuisce a creare il giusto mix di azione e ragionamento, vedendo Holmes e Watson alle prese con le macchinazioni di un Lord (Mark Strong) intenzionato ad impossessarsi del potere utilizzando la magia nera. Ovviamente, essendo il nostro protagonista uno dei paladini del positivismo, ogni cosa potrà essere spiegata razionalmente.
 
I cultori del Canone (ovvero i quattro romanzi e i cinquantasei racconti attribuiti ufficialmente a Conan Doyle che raccontano delle avventure dell’investigatore più famoso di tutti i tempi) potrebbero storcere il naso di fronte ad un Holmes succube dei sentimenti che prova per una donna (sebbene sia la celebre Irene Adler, interpretata nel film da Rachel McAdams), o che partecipa per puro divertimento a dei combattimenti clandestini, ma queste “licenze” che Ritchie e compagni si concedono sono più che tollerabili di fronte all’intelligente lavoro di caratterizzazione che accompagna ogni personaggio. Finalmente anche Watson, alter ego di Conan Doyle e sempre ritratto (dal cinema) come maldestro e un po’ tonto, diventa prestante, atletico e soprattutto consapevole: non è vittima della eccentrica intelligenza del suo caro amico, bensì ne risulta essere il completamento ideale – pragmatismo, esperienza sul campo, buon senso. E proprio il rapporto tra i due (incrinato dalla presenza di un terzo incomodo, la donna della quale Watson è innamorato, Kelly Reilly) risulta essere il principale fulcro dell’intero film, insieme alla vocazione da action movie che Ritchie ha deciso di conferire alla storia. Ognuna delle concitate sequenze può avvalersi poi del palcoscenico ideale rappresentato da una Londra meravigliosamente stilizzata e ricostruita con le più avanzate tecniche di computer grafica, oltre che del puntuale contrappunto musicale curato dal sempre affidabile Hans Zimmer (Il Gladiatore, Il cavaliere oscuro).
Robert Downey Jr., all'ennesima rinascita, è perfetto per il ruolo di protagonista; il suo Sherlock Holmes è tanto lontano dall’iconografia classica del celebre berretto e dell’immancabile lente d’ingrandimento, quanto vicino all’essenza vera e propria dell’eroe ideato da Conan Doyle.
Probabilmente ulteriori episodi sono già in cantiere (non a caso appare sulla scena lo storico antagonista di Holmes, il professor Moriarty) e c’è solo da sperare che la provvidenziale “furbizia” dimostrata da Ritchie e compagni in questo capitolo li accompagni anche in futuro.
Ispirato.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 18/01/2010 @ 13:02:14, in Re per una notte, linkato 1822 volte)

Annunciati nella notte i vincitori della 67esima edizione dei Golden Globe Awards, premi assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association.
Il sopravvalutatissimo Avatar raccoglie i maggiori consensi con due globi dorati (miglior film e regia), insieme a Crazy Heart (film in cui splende Jeff Bridges ancora inedito in Italia); solo un premio a fronte delle sei nomination per Up in the Air (miglior sceneggiatura per Reitman e Turner) e nessuno per l'atteso Nine, nonostante le cinque candidature. Il nostro amato Quentin Tarantino si consola con il meritatissimo premio a Christoph Waltz (miglior attore non protagonista in film drammatico). Niente da fare per Ba'aria, nella categoria film stranieri trionfa Haneke; ci consoliamo con la inossidabile Sofia Loren.
Dexter e Mad Men raccolgono consensi nell'ambito serial tv.

Ecco l'elenco completo delle nomination. I vincitori sono segnalati in grassetto.

Cecil B. DeMille Award
Martin Scorsese


Best Motion Picture - Drama
Avatar
The Hurt Locker
Inglourious Basterds
Precious: Based On The Novel Push By Sapphire
Up In The Air


Best Motion Picture - Comedy Or Musical
The Hangover
(500) Days Of Summer
It's Complicated
Julie & Julia
Nine


Best Director - Motion Picture
James Cameron – Avatar
Kathryn Bigelow – The Hurt Locker
Clint Eastwood – Invictus
Jason Reitman – Up In The Air
Quentin Tarantino – Inglourious Basterds


Best Performance by an Actress in a Motion Picture - Drama
Sandra Bullock – The Blind Side
Emily Blunt – The Young Victoria
Helen Mirren – The Last Station
Carey Mulligan – An Education
Gabourey Sidibe – Precious: Based On The Novel Push By Sapphire


Best Performance by an Actor in a Motion Picture - Drama
Jeff Bridges – Crazy Heart
George Clooney – Up In The Air
Colin Firth – A Single Man
Morgan Freeman – Invictus
Tobey Maguire – Brothers


Best Performance by an Actress in a Motion Picture - Comedy Or Musical
Meryl Streep – Julie & Julia
Sandra Bullock – The Proposal
Marion Cotillard – Nine
Julia Roberts – Duplicity
Meryl Streep – It's Complicated


Best Performance by an Actor in a Motion Picture - Comedy Or Musical
Robert Downey Jr. – Sherlock Holmes
Matt Damon – The Informant!
Daniel Day-Lewis – Nine
Joseph Gordon-Levitt – (500) Days Of Summer
Michael Stuhlbarg – A Serious Man


Best Performance by an Actress In A Supporting Role in a Motion Picture
Mo'nique – Precious: Based On The Novel Push By Sapphire
Penélope Cruz – Nine
Vera Farmiga – Up In The Air
Anna Kendrick – Up In The Air
Julianne Moore – A Single Man


Best Performance by an Actor In A Supporting Role in a Motion Picture
Christoph Waltz – Inglourious Basterds
Matt Damon – Invictus
Woody Harrelson – The Messenger
Christopher Plummer – The Last Station
Stanley Tucci – The Lovely Bones


Best Animated Feature Film
Up
Cloudy With A Chance Of Meatballs
Coraline
Fantastic Mr. Fox
The Princess And The Frog


Best Foreign Language Film
The White Ribbon (Das Weisse Band - Eine Deutsche Kindergeschichte) (Germany)
Baaria (Italy)
Broken Embraces (Spain)
The Maid (La Nana) (Chile)
A Prophet (Un Prophete) (France)


Best Screenplay - Motion Picture
Jason Reitman, Sheldon Turner - Up In The Air
Neill Blomkamp, Terri Tatchell - District 9
Mark Boal - The Hurt Locker
Quentin Tarantino - Inglourious Basterds
Nancy Meyers - It's Complicated


Best Original Score - Motion Picture
Michael Giacchino - Up
Marvin Hamlisch - The Informant!
James Horner - Avatar
Abel Korzeniowski - A Single Man
Karen O and Carter Burwell - Where The Wild Things Are


Best Original Song - Motion Picture
"The Weary Kind (Theme From Crazy Heart)" – Crazy Heart
Music & Lyrics By: Ryan Bingham and T Bone Burnett
"Cinema Italiano" – Nine
Music & Lyrics By: Maury Yeston
"I See You" – Avatar
Music By: James Horner and Simon Franglen
Lyrics By: James Horner, Simon Franglen and Kuk Harrell
"I Want To Come Home" – Everybody's Fine
Music & Lyrics By: Paul McCartney
"Winter" – Brothers
Music By: U2
Lyrics By: Bono


Best Television Series - Drama
Mad Men (AMC)
Big Love (HBO)
Dexter (SHOWTIME)
House (FOX)
True Blood (HBO)


Best Performance by an Actress In A Television Series - Drama
Julianna Margulies – The Good Wife (CBS)
Glenn Close – Damages (FX NETWORK)
January Jones – Mad Men (AMC)
Anna Paquin – True Blood (HBO)
Kyra Sedgwick – The Closer (TNT)


Best Performance by an Actor In A Television Series - Drama
Michael C. Hall – Dexter (SHOWTIME)
Simon Baker – The Mentalist (CBS)
Jon Hamm – Mad Men (AMC)
Hugh Laurie – House (FOX)
Bill Paxton – Big Love (HBO)


Best Television Series - Comedy Or Musical
Glee (FOX)
30 Rock (NBC)
Entourage (HBO)
Modern Family (ABC)
The Office (NBC)


Best Performance by an Actress In A Television Series - Comedy Or Musical
Toni Collette – United States Of Tara (SHOWTIME)
Courteney Cox – Cougar Town (ABC)
Edie Falco – Nurse Jackie (SHOWTIME)
Tina Fey – 30 Rock (NBC)
Lea Michele – Glee (FOX)


Best Performance by an Actor In A Television Series - Comedy Or Musical
Alec Baldwin – 30 Rock (NBC)
Steve Carell – The Office (NBC)
David Duchovny – Californication (SHOWTIME)
Thomas Jane – Hung (HBO)
Matthew Morrison – Glee (FOX)


Best Mini-Series Or Motion Picture Made for Television
Grey Gardens (HBO)
Georgia O'Keeffe (LIFETIME)
Into The Storm (HBO)
Little Dorrit (PBS)
Taking Chance (HBO)


Best Performance by an Actress In A Mini-series or Motion Picture Made for Television
Drew Barrymore – Grey Gardens (HBO)
Joan Allen – Georgia O'Keeffe (LIFETIME)
Jessica Lange – Grey Gardens (HBO)
Anna Paquin – The Courageous Heart Of Irena (CBS)
Sigourney Weaver – Prayers For Bobby (LIFETIME)


Best Performance by an Actor in a Mini-Series or Motion Picture Made for Television
Kevin Bacon – Taking Chance (HBO)
Kenneth Branagh – Wallander: One Step Behind (PBS)
Chiwetel Ejiofor – Endgame (PBS)
Brendan Gleeson – Into The Storm (HBO)
Jeremy Irons – Georgia O'Keeffe (LIFETIME)


Best Performance by an Actress in a Supporting Role in a Series, Mini-Series or Motion Picture Made for Television
Chloë Sevigny – Big Love (HBO)
Jane Adams – Hung (HBO)
Rose Byrne – Damages (FX NETWORK)
Jane Lynch – Glee (FOX)
Janet McTeer – Into The Storm (HBO)


Best Performance by an Actor in a Supporting Role in a Series, Mini-Series or Motion Picture Made for Television
John Lithgow – Dexter (SHOWTIME)
Michael Emerson – Lost (ABC)
Neil Patrick Harris – How I Met Your Mother (CBS)
William Hurt – Damages (FX NETWORK)
Jeremy Piven – Entourage (HBO)

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 11/01/2010 @ 23:31:56, in Contenuti Speciali, linkato 1895 volte)

Sequenza tratta dal film

L'amore il pomeriggio
(L'amour l'après midi)
Eric Rohmer, Francia (1972), 105' (98')

L'ultimo saluto ad un altro grande Maestro che ci lascia.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 07/01/2010 @ 10:15:30, in Amarcord, linkato 4242 volte)

Il Disprezzo
(Le mépris)
Jean-Luc Godard, 1963 (Francia, Italia), 103’ (84’ IT)
 
Tra tutti i film di Jean-Luc Godard, Il Disprezzo è stato uno dei meno apprezzati da critica e pubblico, soprattutto nostrani. I baroni del nostro giornalismo specializzato hanno osteggiato oltremodo questa pellicola forse anche perché il cineasta francese (tra i più illustri “genitori” della Nouvelle Vague) scelse di riadattare, con qualche licenza di troppo, un racconto di Alberto Moravia per trasformarlo in sceneggiatura; inoltre una vera e propria mutilazione fu messa in atto ai danni dell’opera originale da parte della distribuzione italiana (produttore Carlo Ponti), stravolgendo il film e comunque privandolo di quella forza figurativa che rappresenta significativamente la cifra stilistica del “primo” Godard.

Una delle peculiarità de Il Disprezzo, che contribuì senza dubbio al suo scarso appeal sul pubblico, è rappresentata dalla totale secondarietà della trama rispetto alla forma: una blasfemia per lo spettatore tipo che vede l’apostata transalpino proporre minuti e minuti di dialoghi privi di spessore o di alcun fine narrativo; dopo il passaggio cruciale dalla surreale sequenza iniziale (tanto cult da divenire pane per scaltri pubblicitari decenni dopo) all’episodio che cambia ineluttabilmente l’equilibrio della precaria coppia Piccoli-Bardot, ognuna delle scene diviene un ridondante esercizio di stile, superfluo, verboso, nel quale spicca solo un memorabile e provocatorio eloquio di oscenità che la Bardot scandisce con simulatissimo candore. Infatti poco importa quanto Paul (Michel Piccoli) tenti di sforzarsi per recuperare la fiducia (e l’amore) della bella Camille (Brigitte Bardot) perché lei lo disprezza, lo disprezza dopo aver compreso quanto sia “sacrificabile” per l’uomo in vista di un possibile guadagno – Piccoli, regista in difficoltà, quasi incoraggia le attenzioni un po’ troppo evidenti che un produttore (Jack Palance) rivolge alla sua giovane moglie.
L’eterno litigio tra i due diviene una coreografica rappresentazione, nella quale più delle parole (vuote), contano le immagini e la loro componente puramente estetica (lo stesso Piccoli, col suo cappello e il sigaro sempre in bocca, sembra una caricatura del regista di felliniana memoria); non a caso questo battibecco itinerante passa dal curatissimo ma sgombro interno di un loft fino al mare e alla costa di Capri, attingendo così alla preziosa bellezza del paesaggio naturale. La “scusa” è quella di un film da girare (e quale altrimenti), affiancando Fritz Lang, che interpreta se stesso, incapace di ultimare con profitto le riprese di un’ennesima trasposizione delle gesta di Ulisse. L’escamotage mitologico consente anche divagazioni, ancora una volta inutili ma indispensabili, su arte e scenari, su scultorei busti di pietra e il blu splendente del mare che circonda la fittizia Itaca. Ad accompagnare la maggior parte delle scene è presente uno stupendo contrappunto musicale, il Theme de Camille di Georges Delerue, che sembra vivere in perfetta simbiosi con le immagini sin dalla prima sequenza-manifesto del film (i titoli di testa “recitati”), e che conferisce al lavoro di Godard una terza dimensione altrimenti inarrivabile.

Il Disprezzo è, insomma, un puro esercizio di stile, che non vuole però ricostruire i canoni di un genere (come il precedente Fino all’ultimo respiro) ma essere invece un inno alla bellezza, un vero e proprio trattato sull’estetica – dal corpo di B.B. all’ideale classico delle sculture, sino ai palcoscenici mozzafiato sui quali si svolgono le ultime sequenze del film, come la pittoresca Villa Malaparte, a Capri. Più che ammiccare con malizia, Godard illumina con la passione di un critico d’arte, prova a mostrare invece di spiegare, lascia all’occhio dello spettatore (e non forse alla mente) il giudizio ultimo sul suo lavoro. Ed è per questo che a quarant’anni dall’uscita, Il Disprezzo mantiene ancora intatta tutta la sua forza ed espressività, slegato com’è dai consueti canoni dell’intreccio cinematografico: potere alle immagini, alla loro forza evocativa. Cosa è il Cinema, se non questo?
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 02/01/2010 @ 11:28:04, in Contenuti Speciali, linkato 5280 volte)
Come consuetudine, ecco tutte le recensioni proposte dei film usciti in Italia nell'anno solare 2009.
Non tantissime le "soddisfazioni", ma sicuramente un discreto numero di pellicole sopra la media.
Voti segnalati su Cinebloggers Connection.

The Wrestler di Darren Aronofsky

 Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino

A Serious Man di Ethan e Joel Coen

 Gli abbracci spezzati di Pedro Almodóvar

Lasciami entrare di Tomas Alfredson

 Revolutionary Road di Sam Mendes

 Gran Torino di Clint Eastwood

 Kobe Doin' Work di Spike Lee

 District 9 di Neill Blomkamp

 Basta che funzioni di Woody Allen

 Parnassus di Terry Gilliam

 Sherlock Holmes di Guy Ritchie

Il Dubbio di John Patrick Shanley

 Two Lovers di James Gray

 Niente velo per Jasira di Alan Ball

 Nemico Pubblico - Public Enemies di Michael Mann

 Segreti di famiglia di Francis Ford Coppola

 Moon di Duncan Jones

Il curioso caso di Benjamin Button di David Fincher

 Ghost Town di David Koepp

 Julie&Julia di Nora Ephron

 (500) Giorni Insieme di Marc Webb

 W. di Oliver Stone

 Brüno di Larry Charles

Disastro a Hollywood di Barry Levinson

 Star System - Se non ci sei non esisti di Robert B. Weide

 Soffocare di Clark Gregg

 Oggi Sposi di Luca Lucini

 Uomini che odiano le donne di Niels Arden Oplev

 Angeli e Demoni di Ron Howard

Sette Anime di Gabriele Muccino

 Videocracy - Basta apparire di Erik Gandini

 Viola di Mare di Donatella Maiorca

 Un alibi perfetto di Peter Hyams


 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


25/02/2017 @ 23:48:35
script eseguito in 62 ms