Pianosequenza.net
Immagine
 Lynch... di Mario T.
 
"
Molti film sono solo fotografie di gente che parla.

Alfred Hitchcock
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 27/05/2009 @ 23:37:47, in Re per una notte, linkato 2623 volte)

Ecco l'elenco completo dei film premiati nella cerimonia di chiusura del Festival di Cannes 2009.

In Competition :

Lungometraggi:

Palme d'Or
DAS WEISSE BAND (THE WHITE RIBBON) directed by Michael HANEKE

Grand Prix
UN PROPHÈTE (A PROPHET) directed by Jacques AUDIARD

Award for Best Director
Brillante MENDOZA for KINATAY

Award for Best Screenplay
LOU Ye for CHUN FENG CHEN ZUI DE YE WAN (Spring Fever)

Award for Best Actress
Charlotte GAINSBOURG in ANTICHRIST directed by Lars VON TRIER

Award for Best Actor
Christoph WALTZ in INGLOURIOUS BASTERDS directed by Quentin TARANTINO

Jury Prize Ex-aequo
FISH TANK directed by Andrea ARNOLD
BAK-JWI (THIRST) directed by PARK Chan-Wook

Vulcain Prize for an artist technician, awarded by the C.S.T.
MAP OF THE SOUNDS OF TOKYO directed by Isabel COIXET

Lifetime achievement award for his work
LES HERBES FOLLES (WILD GRASS) directed by Alain RESNAIS

Cortometraggi:

Palme d'Or - Short Film
ARENA directed by João SALAVIZA

Short Film Special Distinction
THE SIX DOLLAR FIFTY MAN directed by Louis SUTHERLAND, Mark ALBISTON


Un Certain Regard :

Un Certain Regard Prize - Groupama Gan Foundation for Cinema
KYNODONTAS (DOGTOOTH) directed by Yorgos LANTHIMOS

Jury Prize - Un Certain Regard
POLITIST, ADJECTIV (POLICE, ADJECTIVE) directed by Corneliu PORUMBOIU

Un Certain Regard Special Jury Prize Ex-aequo
KASI AZ GORBEHAYE IRANI KHABAR NADAREH (NO ONE KNOWS ABOUT PERSIAN CATS) directed by Bahman GHOBADI
LE PÈRE DE MES ENFANTS (FATHER OF MY CHILDREN ) directed by Mia HANSEN-LØVE


Cinefondation :

1st Prize Cinéfondation
BÁBA directed by Zuzana KIRCHNEROVÁ-ŠPIDLOVÁ

2nd Prize - Cinéfondation
GOODBYE directed by SONG Fang

3rd Prize Cinéfondation Ex-aequo
DIPLOMA directed by Yaelle KAYAM
NAMMAE UI JIP (DON'T STEP OUT OF THE HOUSE) directed by JO Sung-hee

Golden Camera :

Caméra d'or
SAMSON AND DELILAH directed by Warwick THORNTON

Caméra d'Or - Special Distinction
AJAMI directed by Scandar COPTI, Yaron SHANI

 

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 23/05/2009 @ 09:45:16, in Anteprime, linkato 3558 volte)

Kobe Doin’ Work
(Kobe Doin’ Work)
Spike Lee, 2009 (Usa), 84’
 
Quando uno sport viene interpretato ai massimi livelli dai più grandi atleti del momento, non c’è bisogno di conoscerlo per apprezzarne lo spettacolo. Questo è il grande fascino dei playoff NBA, l’apice massimo della pallacanestro professionistica: si tratta spesso di battaglie dal sapore quasi epico, scontri tra titani inarrivabili, momenti di entertainment allo stato purissimo. Importa poco non essere un particolare esperto, restare sorpresi dai coreografici gesti degli arbitri o semplicemente far fatica a comprendere alcuni momenti dell’azione, perché tutto si svolge a una tale velocità ed intensità (e soprattutto con una tale armonia) che sembra di assistere a una studiatissima rappresentazione.
Spike Lee adora il basket (come testimonia anche il suo ottimo He Got Game, nel quale recitava da protagonista proprio una stella nascente e futuro campione della NBA, Ray Allen). Frustrato dalle recenti imprese dei suoi New York Knicks si è quindi rivolto, pare ai limiti della supplica, a quello che al momento è uno dei più rappresentativi esponenti dell’amato sport: Kobe Bryant. Pluricampione grazie al sodalizio (finito malaccio) con l’enorme Shaquille O’Neal, Kobe è finalmente tornato ai fasti di un tempo nella passata stagione, meritandosi il titolo di Mvp della lega (miglior giocatore) e arrivando ad un passo dalla vittoria finale con i suoi Los Angeles Lakers.
L’idea di Lee è geniale: seguire il neo Mvp durante una intera partita (piuttosto importante, la decisiva gara di semifinale contro i campioni uscenti) con l’ausilio di un numero enorme di camere dedicate oltre al privilegio dell’accesso al sancta sanctorum dello spogliatoio, spiando insomma per intero una “giornata lavorativa” di Kobe, dal pre-partita sino ai festeggiamenti finali – sembra un po’ la versione cestistica di Shine the Light del maestro Scorsese.
Così facendo, il cineasta newyorkese ci svela, accompagnato dallo stesso Bryant che commenta le scene fuori campo (ironicamente lo stesso giorno in cui ha “regalato” agli amati Knicks di Spike Lee il numero record di 61 punti), un mondo affascinante, in cui il leader dei Lakers incita i compagni, li guida, scherza con arbitri ed avversari, sbraita, esulta. Si vive la partita dal campo, dando significato a centinaia di piccole cose (intercalari, termini, tecnicismi) che si rivelano in tutta la loro semplicità: si tratta di un gioco, e Kobe sembra divertirsi un mondo. È un eterno Peter Pan che non lascerà mai la sua isola felice.
In campo il fuoriclasse è logorroico, sempre pronto a dare un consiglio o un incoraggiamento (anche in italiano all’ex Udine Vujacic, ricordando i suoi anni vissuti qui da noi), capace di analizzare con freddezza e sorprendente acume tattico ogni frangente di quel gioco che conosce come le sue tasche.
Il docu-film, girato per la ESPN, coinvolge totalmente lo spettatore, anche quello che non ha mai visto una partita di basket prima di allora, grazie ad un montaggio curatissimo e all’efficacia della inedita e quasi totale “copertura” del campo di gioco – inutile dire che i fan della pallacanestro a stelle e strisce lo apprezzeranno ancora di più.
Suono e immagini, fusi insieme in perfetta armonia, un vero e proprio regalo di Spike Lee al suo pubblico (e all’amato sport): pura arte, puro spettacolo.
D'altronde loro lo ripetono sempre, questa è la NBA, where amazing happens...
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 15/05/2009 @ 10:01:54, in Al Cinema, linkato 3067 volte)

Soffocare
(Choke)
Clark Gregg, 2008 (Usa), 89’
uscita italiana: 13 maggio 2009
voto su C.C.
 
Victor Mancini (Sam Rockwell) è un eroico perdente. Sessuomane, studente di medicina fallito (ma per nobili motivi), lavora, indossando vestiti ridicoli, come figurante in un parco a tema dove il tempo si è fermato al 1700 e si guadagna da vivere contando sulla riconoscenza (!) di tutti quelli che lo hanno salvato da un finto soffocamento. Il suo unico scopo nella vita è diventato accudire la madre (Anjelica Huston), nonostante questa abbia ormai corpo e mente devastati dall’età e dalle droghe, e gli abbia rovinato l’intera vita con le sue assurde teorie sul caos sociale, sulla protesta anticonformista. L’unico amico di Victor è Denny (Brad William Henke), anche lui afflitto da dipendenze imbarazzanti ma dotato di ciò che manca allo stralunato compare: la speranza. Gli basta innamorarsi di una spogliarellista che si chiama come un cocktail (Gillian Jacobs) per iniziare una metamorfosi verso la normalità con la quale Victor non riesce a convivere, afflitto da mille dubbi sulle sue vere origini. C’è infatti una dottoressa (Kelly Macdonald), nella clinica dove è internata la madre, che è convinta lui sia in qualche modo il nuovo Messia, un clone di Gesù…
 
Questa sproporzionata sinossi non riesce a rendere lontanamente ragione alla geniale opera di Chuck Palahniuk (vedi Fight Club) da cui è tratto il film. Purtroppo però chi decide di vedere Soffocare non trova sul suo sediolino, al cinema, una copia del romanzo da poter apprezzare, ma si affida alle infide mani di Clark Gregg (da attore, prezzemolino in serial e film, da sceneggiatore, autore del raccapricciante script de Le verità nascoste) cui viene dato il triplice compito di adattare, dirigere e interpretare, con poco più che un cameo, lo scritto di Palahniuk.
Tutto ciò che rende il romanzo imperdibile diviene nel film insensato, confuso, inutile. Rockwell è straordinario (e la cosa non sorprende), ma questo davvero non basta considerata la realizzazione quasi amatoriale della pellicola, persino dal punto di vista tecnico – la fotografia (di Tim Orr) sembra quella di una soap opera, con perenne totale esposizione, a tratti abbagliante.
Con il suo script, Gregg non valorizza buone parti della storia, abbozza sviluppi e situazioni, prediligendo il particolare scabroso o il momento simil comico (emblematica la scelta di "inventarsi" la sequenza del soffocamento nel ristorante cinese, una scena totalmente superflua che leva probabilmente spazio ad altre più importanti lasciate nel dimenticatoio); solo grazie all’assoluta originalità della storia il film mantiene comunque un certo interesse e riesce ad arrivare al gran colpo di scena finale immune da sbadigli e borbottii. Resta però evidente, a chi ha anche solo lontanamente apprezzato le potenzialità del romanzo, che si poteva ottenere molto di più (a maggior ragione considerando il cast di primissimo ordine, che si concede il lusso della grandiosa coppia d’interpreti Huston-Rockwell).
Palahniuk forse dormiva mentre gli mostravano il film?
Gran peccato.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 13/05/2009 @ 20:40:52, in Re per una notte, linkato 2814 volte)

E' iniziato oggi il Festival di Cannes (13-24 maggio), aperto dal film (in 3d) targato Disney Pixar, Up diretto da Pete Docter. La compagine italiana è piuttosto esigua, ma tutta la nostra attenzione è, ovviamente, rivolta all'attesissimo Inglorius Basterds del messia Quentin Tarantino. Interesse anche per le nuove opere di Gilliam, Amenabar, Gondry, Loach, Almodovar e Haneke.

Ecco l'elenco completo dei film proposti:

Competition:

À L'ORIGINE (IN THE BEGINNING) directed by Xavier GIANNOLI
ANTICHRIST directed by Lars VON TRIER
BAK-JWI (THIRST) directed by PARK Chan-Wook
BRIGHT STAR directed by Jane CAMPION
CHUN FENG CHEN ZUI DE YE WAN (Spring Fever) directed by LOU Ye
DAS WEISSE BAND (THE WHITE RIBBON) directed by Michael HANEKE
ENTER THE VOID directed by Gaspar NOÉ
FISH TANK directed by Andrea ARNOLD
INGLOURIOUS BASTERDS directed by Quentin TARANTINO
KINATAY directed by Brillante MENDOZA
LES HERBES FOLLES (WILD GRASS) directed by Alain RESNAIS
LOOKING FOR ERIC directed by Ken LOACH
LOS ABRAZOS ROTOS (BROKEN EMBRACES) directed by Pedro ALMODÓVAR
MAP OF THE SOUNDS OF TOKYO directed by Isabel COIXET
TAKING WOODSTOCK directed by Ang LEE
THE TIME THAT REMAINS directed by Elia SULEIMAN
UN PROPHÈTE (A PROPHET) directed by Jacques AUDIARD
VENGEANCE directed by Johnnie TO
VINCERE directed by Marco BELLOCCHIO
VISAGE (FACE) directed by TSAI Ming-Liang


Un certain regard:

À DERIVA (ADRIFT) directed by Heitor DHALIA
AMINTIRI DIN EPOCA DE AUR (TALES FROM THE GOLDEN AGE) directed by Hanno HÖFER, Razvan MARCULESCU, Cristian MUNGIU, Constantin POPESCU, Ioana URICARU
DEMAIN DÈS L'AUBE (TOMORROW AT DAWN) directed by Denis DERCOURT
EYES WIDE OPEN (EINAYM PKUHOT) (EYES WIDE OPEN) directed by Haim TABAKMAN
INDEPENDENCIA (Independencia) directed by Raya MARTIN
IRÈNE (IRENE) directed by Alain CAVALIER
KASI AZ GORBEHAYE IRANI KHABAR NADAREH (NO ONE KNOWS ABOUT PERSIAN CATS) directed by Bahman GHOBADI
KUKI NINGYO (AIR DOLL) directed by KORE-EDA Hirokazu
KYNODONTAS (DOGTOOTH) directed by Yorgos LANTHIMOS
LE PÈRE DE MES ENFANTS (FATHER OF MY CHILDREN ) directed by Mia HANSEN-LØVE
LOS VIAJES DEL VIENTO (THE WIND JOURNEYS) directed by Ciro GUERRA
MORRER COMO UM HOMEM (TO DIE LIKE A MAN) directed by João Pedro RODRIGUES
MOTHER directed by BONG Joon-Ho
NANG MAI (NYMPH) directed by Pen-Ek RATANARUANG
POLITIST, ADJECTIV (POLICE, ADJECTIVE) directed by Corneliu PORUMBOIU
PRECIOUS directed by Lee DANIELS
SAMSON AND DELILAH directed by Warwick THORNTON
SKAZKA PRO TEMNOTU (TALE IN THE DARKNESS) directed by Nikolay KHOMERIKI
THE SILENT ARMY directed by Jean VAN DE VELDE
TZAR directed by Pavel LOUNGUINE


Fuori concorso:

AGORA (AGORA) directed by Alejandro AMENABAR
COCO CHANEL & IGOR STRAVINSKY directed by Jan KOUNEN
DRAG ME TO HELL directed by Sam RAIMI
L'ARMÉE DU CRIME (THE ARMY OF CRIME) directed by Robert GUÉDIGUIAN
NE TE RETOURNE PAS (DON'T LOOK BACK) directed by Marina DE VAN
PANIQUE AU VILLAGE (A TOWN CALLED PANIC) directed by Vincent PATAR, Stéphane AUBIER
THE IMAGINARIUM OF DOCTOR PARNASSUS directed by Terry GILLIAM
UP directed by Pete DOCTER


Special screenings:

CENDRES ET SANG (ASHES AND BLOOD) directed by Fanny ARDANT
JAFFA (JAFFA) directed by Keren YEDAYA
L'ÉPINE DANS LE COEUR (The thorn in the heart) directed by Michel GONDRY
MANILA (Manila) directed by Adolfo ALIX, JR., Raya MARTIN
MIN YE ... (" TELL ME WHO YOU ARE") directed by Souleymane CISSE
MY NEIGHBOR, MY KILLER directed by Anne AGHION
NO MEU LUGAR (EYE OF THE STORM) directed by Eduardo VALENTE
PETITION (PETITION) directed by Zhao LIANG
PORTRAIT DE GROUPE AVEC ENFANTS ET MOTOCYCLETTES (GROUP PORTRAIT WITH KIDS AND MOTORCYCLES) directed by Pierre-William GLENN
UNE VIE TOUTE NEUVE (A BRAND NEW LIFE) directed by Ounie LECOMTE


Cinefondation:

#1 directed by Noamir CASTÉRA
BÁBA directed by Zuzana KIRCHNEROVÁ - ŠPIDLOVÁ
BY THE GRACE OF GOD directed by Ralitza PETROVA
CHAPA directed by Thiago RICARTE
DIPLOMA directed by Yaelle KAYAM
EL BOXEADOR (THE BOXER) directed by Juan Ignacio POLLIO
GOODBYE directed by SONG Fang
GUTTER directed by Dan Ransom DAY
IL NATURALISTA (THE NATURALIST) directed by Giulia BARBERA, Gianluca LO PRESTI, Federico PARODI, Michele TOZZI
KASIA directed by Elisabet LLADÓ
LE CONTRETEMPS (THE SETBACK) directed by Dominique BAUMARD
MALZONKOWIE (SIGNIFICANT OTHERS) directed by Dara VAN DUSEN
NAMMAE UI JIP (DON'T STEP OUT OF THE HOUSE) directed by JO Sung-hee
SEGAL directed by Yuval SHANI
SYLFIDDEN (THE SYLPPHID) directed by Dorte BENGTSON
THE HORN directed by YIM Kyung-dong
TRAVERSER directed by Hugo FRASSETTO

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 09/05/2009 @ 10:33:50, in Al Cinema, linkato 2342 volte)

Star System - Se non ci sei non esisti
(How To Lose Friends & Alienate People)
Robert B. Weide, 2008 (Gran Bretagna), 110'
uscita italiana: 8 maggio 2009
voto su C.C.

Simon Pegg è una sorta di guru della commedia demenziale inglese. Nel resto del mondo (e in particolare da noi) è pressoché sconosciuto, o forse lontanamente ricordato per il suo lavoro meglio distribuito, l’esilarante Hot Fuzz; si tratta insomma di una sorta d’icona dell’anti-mainstream cinematografico: stupido, goffo, ma per qualche incomprensibile ragione anche un po’ radical chic.
Per questo Pegg è perfetto nell’interpretare il bizzarro Sidney Young, redattore di una insulsa rivista inglese cui viene offerto il lavoro (segretamente) bramato da una vita, un incarico nella cosmopolita New York che gli consentirebbe di entrare nel mondo patinatissimo del jet set sognato sin da bambino.
Il suo mentore è addirittura il redivivo Jeff Bridges (impagabile) e le interpreti femminili sono le abbaglianti Megan Fox e Kirsten Dunst, cosa vorreste di più?
 
Forse di più vorreste una trama che non sia stupida o scontata, e allora sarebbe meglio evitare questo film. Infatti il romanzo di Toby Young (qui co-produttore) da cui è tratta la pellicola è una sorta de Il Diavolo veste Prada in salsa demenziale, nel quale è enfatizzata per ovvi motivi la complessa vita pseudo sentimentale di Pegg, che ad un certo punto si trova a dover scegliere se conoscere (biblicamente) la Fox o tuffarsi in una romantica storia con la Dunst. Mica male.
Il regista Robert B. Weide tenta in vari modi di nobilitare la sceneggiatura, ammiccando in continuazione a felliniana memoria (lo ringraziamo sentitamente) e costruendo con attenzione quasi superflua alcune scene, ma s’imbatte inevitabilmente nel nulla cosmico che caratterizza la sua storia. Pegg di fatto lo salva, tenendo in piedi l’intero film con la solita brillante interpretazione (il suo sorriso è a dir poco coinvolgente). Un esempio è la impagabile sequenza in cui resta per un minuto intero con la mandibola che rasenta il suolo mentre guarda Megan Fox che gli si avvicina sguazzando in una piscina, da novella Anita Ekberg.
Insomma, in giro c’è senza dubbio di peggio, molto di peggio (chi ha detto l’horror di San Valentino, per qualche strano motivo uscito nelle sale a maggio?).
Annacquato.
 
La frase.
«Who sends people dead fish?»
«The mafia.»


PS.
A tempo perso, qualcuno mi spieghi il senso del titolo italiano (non che l'originale fosse 'sto capolavoro).
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 04/05/2009 @ 12:28:38, in Amarcord, linkato 3439 volte)

Bianciardi!
(Bianciardi!)
Massimo Coppola, 2007 (Italia), 60'
 
Se c’è una cosa buona venuta fuori da MTV in tutta la storia della rete, questa è senza dubbio la trasmissione cult Avere Ventanni, di Massimo Coppola (già autore, per la stessa emittente, dell’innovativo Brand: New più tardi distrutto dall’opera dell’inutile e sopravvalutato Infascelli). Lo stesso gruppo di sapienti pensatori, che annovera tra le sue fila anche Giovanni Giommi e Alberto Piccinini, ha poi dato alla luce – dopo l’esordio ad MTV – anche una serie di notevoli documentari, trasmessi (e seppelliti) da La7, su temi cruciali spesso poco considerati dalla tv generalista.
Con Bianciardi!, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 2007, Coppola e compagni dimostrano ancora una volta le loro notevoli capacità, essendo in grado di unire ad una ricercatissima cifra stilistica contenuti di prim’ordine e mai banali.
Si tratta infatti di un documentario dedicato a Luciano Bianciardi, controverso giornalista, scrittore, meglio dire intellettuale, che visse a metà del novecento. Noto al grande pubblico per il romanzo La vita agra – racconto parzialmente autobiografico della sua fuga a Milano dalle miniere di Ribolla, inizialmente giustificata da una “vendetta” per le vittime di un terribile incidente, ma che vede poi sbiadire ideali, convinzioni e sogni annullati dai condizionamenti della grande città – Bianciardi fu autore mirabile e dissacrante. Coppola non ricerca l’apologia ma si limita a percorrere lo stesso viaggio, dalla Toscana all’esilio volontario in Liguria, passando per la Lombardia, che lo scrittore nato a Grosseto compì sessant’anni prima. Aiutato dai ricordi della figlia, e di tanti amici e conoscenti (spesso illustri), Coppola e Piccinini costruiscono un ritratto completo e convincente di una personalità assai complessa, schiacciata dalle sue stesse contraddizioni – divenuta “schiava” della città che aveva promesso di “distruggere”, con la famigerata minaccia di una bomba con la quale abbattere il Pirellone, simbolo della spregiudicatezza e dell’ingiustizia del potere economico e politico.
Coppola sceglie di essere interlocutore “invisibile” (sempre fuori campo) degli intervistati, lasciando tutto lo spazio ai protagonisti del suo documentario e, soprattutto, alla storia che cerca di raccontare. Lo stile è originale e ricercato – come intuibile già dalla interessantissima sequenza dei titoli di testa – ma non mette per questo in secondo piano la narrazione, vero fulcro di tutta l’opera. Frammenti di vecchie interviste rilasciate da Bianciardi, brevi sequenze filmate (tratte anche dal film, La vita agra, in cui lo scrittore fu interpretato da Ugo Tognazzi) e testimonianze dei conoscenti si fondono sapientemente per dar vita ad un validissimo esempio di documentario –  che ha dignità artistica quantomeno pari ad un film di eccellente qualità.
Piccolo, ma brillante, gioiello.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


27/02/2017 @ 19:11:49
script eseguito in 62 ms