Pianosequenza.net
Immagine
 Burton... di Emanuele P.
 
"
Io sono, diciamo, come un pittore che dipinge fiori. È la maniera di trattare le cose che mi interessa. Ma, d'altra parte, se fossi un pittore, direi: "Io posso dipingere solo ciò che contiene un messaggio".

Alfred Hitchcock
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 18/04/2009 @ 12:18:12, in Al Cinema, linkato 2297 volte)

Disastro a Hollywood
(What Just Happened)
Barry Levinson, 2008 (Usa), 107’
uscita italiana 17 aprile 2009
voto su C.C.
 
Il mondo dei produttori hollywoodiani è tutto basato sul potere – come viene metaforicamente mostrato nella sequenza che apre e chiude il film: che si tratti di acquisirne o semplicemente di barcamenarsi pur di mantenere il proprio status quo. Questo è ciò che tenta di fare Ben (il miglior Robert De Niro degli ultimi anni), produttore di discreto successo alle prese con due problemi grotteschi e diverse incertezze sentimentali. Infatti è costretto, pur di non perdere credibilità e guadagni, a convincere un estroso regista britannico (Michael Wincott) a evitare la truculenta morte di un cane nel prossimo film d’azione di Sean Penn (pellicola della quale nella realtà manco avrebbe letto la sceneggiatura, aggiungiamo), e a costringere in qualche modo Bruce Willis (il solito mattacchione) a perdere qualche chilo e soprattutto una improbabile barba che fa ormai crescere da sei mesi, nonostante le preghiere del suo psicolabile agente (John Turturro, con tanto di mutande con bandiera italiana sopra…).
 
Barry Levinson (Rain Man, Bugsy, Sleepers), con lo sceneggiatore Art Linson (autore del libro da cui è tratto il film), riesce ad allestire una commedia senza tante pretese ma abbastanza originale e ben interpretata da essere a tratti anche discretamente divertente. Con una bella dose di autoironia dedica infatti l’attenzione al mondo dietro la celluloide, fatto tutto di interessi, pressioni e condizionato dalle stramberie delle star. De Niro, produttore di mezza età in perenne ritardo, riesce a brillare sufficientemente da valorizzare l’intera pellicola, che sarebbe per larghi tratti troppo sopra le righe; contribuiscono alla riuscita anche le altre star (quelle vere) pronte a non prendersi troppo sul serio – segnaliamo l’orazione funebre del barbuto Willis al funerale di un agente.
Levinson cerca di mantenere alto il ritmo della narrazione (azzerando i tempi morti con interessanti “avanzamenti veloci”, come durante gli spostamenti di De Niro che è sempre di fretta e sempre con l’auricolare wireless in funzione), lasciando ai singoli interpreti spazio per i siparietti che sono probabilmente la miglior cosa del film – come la seduta di psicoterapia anti-coppia cui partecipano Ben e la sua ex moglie, interpretata da Robin Wright Penn.
What Just Happened (meglio evitare commenti sul titolo italiano…) è una pellicola di sicuro appeal, considerato il cast e l’interessante ambientazione, che però ha come unico, vero, motivo d’interesse la ricomparsa sullo schermo di un De Niro finalmente di nuovo presentabile.
Patinato.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 08/04/2009 @ 15:03:20, in Amarcord, linkato 3512 volte)

Bianco e nero
(Bianco e nero)
Cristina Comencini, 2007 (Italia), 100’
 
Da sempre sono convinto (e orgoglioso) portabandiera di una causa nobilissima: il vilipendio verso una certa parte del cinema italiano – che con un po’ di qualunquismo si potrebbe riassumere nella famiglia Muccino –, allo stesso tempo mezzo e causa della scarsa qualità media dei film che proponiamo ogni anno. Questo paradossalmente finisce con l’instaurare nella impressionabile mente dell’uomo/donna della strada la convinzione che una pellicola made in Italy quasi non valga la pena di essere vista al cinema (pagando, persino) quando in tivvù ne è disponibile un surrogato quasi-gratuito e di simile qualità (la fiction).
Mettendo però da parte pamphlet polemici che ci porterebbero troppo lontano, torniamo a questa presunta commedia molto politically correct.
 
Fabio Volo (meglio quando interpreta il giovane nei programmi per finti giovani) e Aïssa Maïga sono una coppia multietnica di amanti alle prese con un ridicolo e stereotipato “scontro tra culture” oltre che con i sentimenti mai dimenticati verso i vecchi compagni (Ambra Angiolini, Eriq Ebouaney).
 
Cristina Comencini è l’arma di distruzione del cinema italiano più sottovalutata dell’intera storia. C’è chi pretendeva di scortarla addirittura agli Oscar (per il deprimente La bestia nel cuore), chi la considera una delle nostre registe più affermate.
Con questo film ha dimostrato, una volta ancora, la subdola pericolosità delle sue opere: mentre infatti i vari Muccino, Veronesi, Brizzi e compagnia sono degni e consapevoli autori di un certo genere di pellicole (che, seppur disprezzabili, sono permeate da una sana “onestà intellettuale”), la Comencini tenta di camuffare i suoi film con una patina di simil rispettabilità, scomodando tematiche importanti e/o situazioni pseudo-realistiche.
Bianco e Nero è una pellicola che sarebbe stata (forse) originale se girata durante gli anni sessanta, in prossimità di quell’ Indovina chi viene a cena che per certi versi tenta di scimmiottare. Ambientata però ai giorni nostri, la storia diviene un’accozzaglia di anacronistici e (francamente) preoccupanti luoghi comuni che dicono molto di più circa gli sceneggiatori – ben tre, Giulia Calenda, Maddalena Ravagli, Cristina Comencini – piuttosto che riguardo il tempo in cui viviamo.
Alcune sequenze sono raccapriccianti, e riescono nell’arduo compito di offendere contemporaneamente entrambe le “civiltà” coinvolte (questa si che è uguaglianza); quando queste geniali trovate vengono a mancare, allora il film naviga in un noioso mare di finto perbenismo – c’è da segnalare il personaggio del genero di Volo, Franco Branciaroli, che interpreta una sorta di avventuriero con la fissazione per le donne africane, mania ampiamente appagata negli anni di colonialismo sessuale trascorsi nel “continente nero”. Si, meglio stendere un velo pietoso.
In questo contesto, possono ben poco gli attori (tra i quali spicca Billo Thiernothian, che qualcuno ricorderà come il Billo! del quale Teo Mammucari si prendeva gioco quando faceva ancora dei programmi divertenti), intrappolati nei più classici cliché e senza spazio per situazioni realmente interessanti o lontanamente originali.
Insomma, per noi è molto più pericolosa Cristina Comencini del tanto vituperato (ed ormai spedito all'estero) Gabriele Muccino. Meglio accorgersene prima che sia troppo tardi.
Imbarazzante.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 07/04/2009 @ 14:00:44, in Contenuti Speciali, linkato 4190 volte)

Con piacere vi segnialiamo lo spettacolo Rosa di ghiaccio, Ricordi di Romy Schneider, che sarà in scena il 23 aprile 2009, alle ore 21, presso il Teatro Ridotto di Bologna.
La compagnia il Teatro della Rabbia si confronta con la memoria personale e collettiva di una grande diva del passato.  Frammenti di video, canzoni dal vivo in tedesco e francese, scene recitate tratte dai film concorrono a restituire un’immagine a tutto tondo della bellissima attrice che l’anno scorso avrebbe compiuto settant’anni se non fosse andata incontro ad una tragica e prematura morte.

Con Fabiola Ricci  e Nicola Fabbri

Voci recitanti: Nicola Fabbri, Fabio Farnè, Anita Giovannini, Antonio Koch, Edoardo Migliore, Valentina Palmieri, Fabiola Ricci

Contributi audio nei filmati, arrangiamento basi: Riccardo Nanni

Regia video e musiche originali: Roberto Passuti

Marketing e promozione: Nicola Fabbri

Ufficio stampa: Eleonora Buratti

Grafica locandine: Mauro De Ciuceis

Drammaturgia e regia: Francesca Migliore



Per ulteriori informazioni e per le prenotazioni ecco alcuni recapiti utili:
contacts@teatrodellarabbia.com (fino al 22 aprile)
www.teatrodellarabbia.com

Aiutiamo il teatro indipendente!

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 05/04/2009 @ 16:12:08, in Contenuti Speciali, linkato 2309 volte)

La partita lenta
(La partita lenta)
di Paolo Sorrentino, Italia (2009), 10'

Anche il nostro regista italiano di riferimento, l'ottimo Paolo Sorrentino, contribuisce con il suo corto al progetto perFiducia, insieme ai colleghi Olmi e Salvatores.
Ne approfittiamo per affermare: w il rugby!
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 02/04/2009 @ 14:51:44, in Al Cinema, linkato 2280 volte)

Two Lovers
(Two Lovers)
James Gray, 2008 (Usa), 100’
uscita italiana: 27 marzo 2009
voto su C.C.
 
Senza dubbio James Gray ha una forte allergia al modo prettamente hollywoodiano di intendere il cinema. Lo aveva dimostrato già con il suo primo film, Little Odessa, e quindi confermato con diverse altre opere (ultima delle quali il discreto I padroni della notte); l’unica obbiezione sollevabile riguardo queste pellicole era una certa tendenza al rimanere intrappolato in una nicchia di situazioni e protagonisti (immigrati ebrei con innato senso della famiglia) spesso troppo simili. Con Two Lovers, Gray vira su un genere totalmente diverso – la simil commedia romantica – ma utilizza il medesimo approccio, quasi “poliziesco”, nella composizione della storia e nella caratterizzazione dei personaggi; il risultato è un film convincente, che pecca forse in una compiaciuta ed un po’ eccessiva vena di improbabile finzione scenica.
 
Joaquin Phoenix (validissimo attore-feticcio di Gray) è un aspirante suicida afflitto da imprecisate turbe emotive, causate da una dolorosa separazione, che si trova a vivere per qualche tempo con suoi apprensivi genitori (la nostra Isabella Rossellini e Moni Moshonov) nell’appartamento dell’infanzia. Nonostante questa situazione non lo renda esattamente lo scapolo più interessante di New York, Phoenix si ritrova combattuto tra le affettuose avances di Vinessa Shaw (la bella figlia di un negoziante, sposa promessa) e l’infatuazione per la stralunata Gwyneth Paltrow, nuova vicina di casa con problemi di droga e tumultuosa vita da amante di un influente avvocato (Elias Koteas).
L’improbabile intreccio avrà interessanti sviluppi.
 
Mettendo da parte le remore sulla verosimiglianza di tutta la storia (sceneggiata dallo stesso Gray e da Richard Menello), che potrebbe sembrare l’incerta trasposizione di una piece teatrale, è giusto evidenziare l’innegabile talento col quale il regista americano riesce a costruire ogni sequenza ed ogni inquadratura. Valorizzando al massimo un brillante (ed inedito) trio di attori, Gray ottiene scene coinvolgenti anche quando la situazione sembrerebbe grottesca o un po’ troppo sopra le righe.
Phoenix in particolare regala una interpretazione magistrale, calandosi perfettamente nei panni di questo trent’enne candido e ingenuo più di un adolescente, che si trova d’un tratto a misurarsi con un improbabile triangolo amoroso – da segnalare i cento piccoli gesti, l’andatura incerta o anche solo l’atteggiamento goffo col quale affronta l’imbarazzante cena a tre con la Paltrow e Koteas.
La scelta in assoluto più felice di Gray è quella relativa alla soundtrack, quanto mai varia e puntuale, che riesce ad “alleggerire” alcune sequenze e in generale a liberare il film da una pericolosa patina di esasperata angoscia.
Fino all’ultimo nello spettatore resta vivo il dubbio sull’esito di questa contesa sentimentale (anche se, conoscendo un po’ il regista, si può intuire qualcosa) e comunque l’intensità dei dialoghi e l’attenta composizione di ogni scena garantisce al film un indubbio impatto emotivo.
Peccato solo per il titolo insensato, e per qualche perdonabile esagerazione che spunta qua e là nella trama.
Come sempre con Gray: diverso.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


25/02/2017 @ 23:49:02
script eseguito in 47 ms