Pianosequenza.net
Immagine
 Leone & Morricone ...... di Emanuele P.
 
"
Ognuno è libero di speculare a suo gusto sul significato filosofico del film, io ho tentato di rappresentare un'esperienza visiva, che aggiri la comprensione per penetrare con il suo contenuto emotivo direttamente nell'inconscio.

Stanley Kubrick
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 20/09/2008 @ 11:39:05, in Amarcord, linkato 1969 volte)

Colpo d'occhio
(Colpo d'occhio)
Sergio Rubini, 2008 (Italia), 110'

Se c’è un regista italiano che raccoglie sempre molto meno di quanto meriterebbe (in termini di celebrità, critiche e botteghino), senza dubbio questo qualcuno è Sergio Rubini. Forse la spiegazione sta nel fatto che l’ottimo cineasta pugliese ha come pochi il coraggio di essere originale, di scegliere generi e tematiche non esattamente nazionalpopolari per i suoi piccoli capolavori – vedi La Terra, L’amore ritorna, Mio cognato, giusto per citarne qualcuno.
Colpo d’occhio non è differente dalle altre sue opere, purtroppo anche in quanto a consensi di pubblico e critica: calzate sapientemente le vesti del regista “di genere” (come già fece per La Terra), Rubini dirige un interessante film, a metà tra Match Point e Vestito per uccidere, certamente non aiutato dalle interpretazioni di un cast quantomeno discutibile.
 
Un critico d’arte pressoché onnipotente (Sergio Rubini, nel solito ruolo negativo che ama ritagliarsi) perde l’amore della sua vita (Vittoria Puccini), a causa di un avvenente scultore molto ambizioso ma ancora sconosciuto (Riccardo Scamarcio).
Sfruttando tutta la sua influenza (ed un machiavellico piano) il professore riuscirà ad ottenere una tremenda vendetta.
 
Fatto salvo qualche imperdonabile tentativo di pubblicità simil occulta (ho contato almeno quattro markette, con la kappa mi raccomando) e perdonando i finanziamenti statali dei quali si è avvalso per girare il suo film, Sergio Rubini dimostra ancora una volta di essere forse l’unico regista italiano in grado di girare un film “giallo” con la giusta atmosfera e i giusti riferimenti al passato. La sequenza dell’inseguimento tra le sale della Biennale è infatti solo la più evidente delle numerose citazioni presenti in tutta la narrazione – in quel caso si fa riferimento a Vestito per uccidere, di Brian De Palma; in generale il mix di precisi movimenti di camera e di un accompagnamento sonoro molto efficace (il solito, maestoso, Pino Donaggio, che con le sue melodie, col suo sapiente uso degli archi, ha accompagnato tutti i migliori thriller del già citato De Palma) riesce in pieno a valorizzare una trama un po’ contorta ma sicuramente valida e sufficientemente originale – a curare la sceneggiatura, con lo stesso Rubini, anche Carla Cavalluzzi e Angelo Pasquini.
L’unica nota stonata è l’interpretazione della coppia Puccini-Scamarcio: per carità, bellissimi da vedere, ma poco convinti, poco credibili, troppo spesso sopra le righe. Queste forzature conferiscono ad alcuni passaggi del film toni grotteschi, minando l’ottimo lavoro di Rubini (anche come attore) e compagnia.
Durante la proiezione si fatica a credere che si tratti di un film italiano (se si considerano rappresentanti dello stile nostrano gli appartenenti alla setta del cinema gggggiovane) grazie all’atmosfera che si respira in ogni scena, nella scelta di ogni inquadratura: Rubini fa largo uso del primo piano (talvolta strettissimo), di movimenti di camera morbidi ed avvolgenti – vedi la sequenza iniziale, simil televisiva – costruendo ogni sequenza nel migliore dei modi.
Una sola preghiera: non dimenticatelo.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 18/09/2008 @ 10:55:46, in Contenuti Speciali, linkato 1562 volte)

E' disponibile online il numero speciale di Rapporto Confidenziale (http://confidenziale.wordpress.com) tutto dedicato alla sessantunesima edizione del Festival di Locarno. 116 pagine di approfondimenti, recensioni e considerazioni sulla rassegna conclusasi un mese fa.

Diffondete, diffondete, diffondete

Versione alta qualità (12,3 MB)
Versione bassa qualità (7,44 MB)

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 07/09/2008 @ 15:19:26, in Re per una notte, linkato 2360 volte)

La giuria della sessantacinquesima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia presieduta da Wim Wenders (tra gli altri presente anche John Landis) premia con il Leone d'oro la nuova opera di Darren Aronofsky (Pigreco - Il teorema del delirio, Requiem for a Dream), The Wrestler, anti-biografia di un eroe del wrestling professionistico, interpretata dal redivivo Mickey Rourke.
E' Silvio Orlando a tener alto l'onore italiano, con la Coppa Volpi per la sua interpretazione ne Il papà di Giovanna.

Ecco l'elenco completo dei premi assegnati:

LEONE D’ORO per il miglior film a:
The Wrestler di Darren ARONOFSKY (Usa)

LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a:
Aleksey German Jr. per Bumažnyj Soldat (Paper Soldier) (Russia)

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a:
Teza di Haile Gerima (Etiopia, Germania, Francia)

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile a:
Silvio Orlando per Il papà di Giovanna di Pupi AVATI (Italia)

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione femminile a:
Dominique Blanc per L’autre di Patrick Mario Bernard, Pierre Trividic (Francia)

PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore o attrice emergente a:
Jennifer Lawrence per The Burning Plain di Guillermo Arriaga (Usa)

OSELLA per la migliore fotografia a:
Alisher Khamidhodjaev e Maxim Drozdov  per Bumažnyj Soldat (Paper Soldier) di Aleksey German Jr. (Russia)

OSELLA per la migliore sceneggiatura a:
Haile Gerima per Teza di Haile Gerima (Etiopia, Germania, Francia)

LEONE SPECIALE per l’insieme dell’opera a:
Werner Schroeter

PREMIO “LUIGI DE LAURENTIIS” PER LA MIGLIOR OPERA PRIMA a:
Pranzo di Ferragosto di Gianni Di Gregorio (SIC - Settimana Internazionale della Critica, Italia)

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 06/09/2008 @ 11:00:10, in Al Cinema, linkato 2165 volte)

Redbelt
(Redbelt)
David Mamet, 2008 (Usa), 99’
uscita italiana: 5 settembre 2008
voto su C.C.
 
Probabilmente devono ancora inventare il genere in cui una interpretazione di Chiwetel Ejiofor possa sfigurare: l’attore inglese, reso famoso dal gioiello Piccoli Affari Sporchi (Stephen Frears, 2003), riesce infatti a illuminare i suoi personaggi come pochi altri colleghi; che si tratti di una commedia di Woody Allen (Melinda & Melinda), di un semi-colossal di Ridley Scott (American Gangster) o di un capolavoro d’azione di Spike Lee (Inside Man), il risultato è sempre la stessa efficacia, la medesima dimostrazione di talento. Forse è per questo che riesce difficile giudicare con particolare acrimonia Redbelt, pellicola in cui il regista e (soprattutto) sceneggiatore David Mamet concede al nostro eroe Ejiofor le luci della ribalta, con un ruolo da assoluto protagonista, dinamico, totale.
La storia è infatti tutta incentrata sul suo personaggio, un istruttore di Ju-Jitsu dai nobilissimi ideali e dalle incrollabili convinzioni, dettami che tenta di applicare anche nella vita di tutti i giorni. Nel terribile mondo “reale” però ci sono sempre pronti in agguato mascalzoni di ogni genere, pronti ad approfittare di queste apparenti debolezze: con la truffa, con l’inganno, fino a costringere l’impavido dalla cintura nera a guadagnarsi da vivere combattendo in uno dei tornei che tanto disprezza.
 
Tra una perla di filosofia zen e l’altra, Mamet (cintura viola di Ju-Jitsu) costruisce con buon ritmo ma discutibile sviluppo un discreto film, in bilico tra il drammatico e l’azione, valorizzato dal cast in parte e dalla fotografia sempre impeccabile di Robert Elswit.
La sceneggiatura subisce infatti una traumatica svolta nella mezz’ora finale, un “cambiamento di rotta” deleterio e incomprensibile; quasi rincorrendo un epilogo ad effetto, Mamet inizia a raccontare gli avvenimenti in modo confuso e frettoloso, lasciando troppo spazio a momenti di frustrato revanscismo – le ultimissime scene sono irragionevoli ed al limite del ridicolo.
Peccato perché nella prima parte della pellicola la narrazione è fluida, efficace e convincente, con personaggi secondari ma ben caratterizzati (Emily Mortimer, Alice Braga, Max Martini, Tim Allen, Joe Mantegna) e interessanti scelte stilistiche, oltre ad un soggetto che sembrerebbe piuttosto originale. Purtroppo col passare dei minuti iniziano a sgretolarsi prima la credibilità dei protagonisti, quindi la verosimiglianza della trama stessa, lasciando il promettente incipit orfano di una degna conclusione.
È qui che l’interpretazione di Chiwetel Ejiofor riesce a fare la differenza: il suo personaggio trasmette un tale vigore, una tale energia da colpire ugualmente lo spettatore, coinvolto e incuriosito dal suo mondo, distante anni luce da quello in cui vivono tutti gli altri personaggi.
Come direbbe il Califfo, tutto il resto – tra machismo ostentato e discutibili colpi di scena – è noia.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi piů cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie piů cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


25/02/2017 @ 23:49:51
script eseguito in 62 ms