Pianosequenza.net
Immagine
 Leone... di Mario T.
 
"
Io sono, diciamo, come un pittore che dipinge fiori. È la maniera di trattare le cose che mi interessa. Ma, d'altra parte, se fossi un pittore, direi: "Io posso dipingere solo ciò che contiene un messaggio".

Alfred Hitchcock
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 30/08/2008 @ 09:02:49, in Al Cinema, linkato 2299 volte)

Sex List – Omicidio a tre
(Deception)
Marcel Langenegger, 2008 (Usa), 108’
uscita italiana: 29 agosto 2008
voto su C.C.
 
Durante l’ora e mezza di proiezione, ho cercato, invano, di ricordare almeno un altro film che potesse competere con Deception in quanto a somma di casting sbagliato+trama assurda. Persino Le verità nascoste e Red Eye devono arrendersi di fronte all’opera prima – e si spera ultima – di Marcel Langenegger.
L’idea del regista svizzero (uno specialista in grafica pubblicitaria e amenità simili) e dello sceneggiatore Mark Bomback, consiste nell’usare ogni genere di pruderie e situazione a luci rosa per giustificare una storia totalmente insensata, che fonde sciaguratamente un filmino da sala di periferia con il solito polpettonazzo d’azione hollywoodiano, in cui figurano le tre immancabili maschere (il mascalzone scaltro e spietato, il tonno che abbocca sempre, la bonazza contesa ed un po’ vittima).
Ewan McGregor interpreta uno zelante contabile che (non)vive murato nel suo ufficio, spiando invidioso le allegre esistenze del resto dell’umanità. Un giorno, per caso, incontra la sua nemesi, un avvenente avvocato (Hugh Jackman) trafficone quanto basta e disposto a far scoprire al nostro impiegato un po’ nerd i segreti della New York da bere.
Tra una partita di tennis e una serata in club da ricconi, i due iniziano a conoscersi, fin quando un fortuito scambio di telefonini consente a McGregor di ricevere chiamate un po’ “particolari”. Si sente infatti chiedere “Are you free tonight” e indicare una stanza d’albergo dove spassarsela allegramente con donne in carriera. Il tapino, lungi dal farsi qualche sana domanda a riguardo, diventa un habitué del circolo e incontra la donna della sua vita, Michelle Williams, che qualcuno potrebbe ricordare come la buzzicona di Dawson Creek.
Ovviamente sotto c’è qualcosa di losco, ma tutto si risolverà a tarallucci e vino.
 
Come intuibile, non si può definire Deception un thriller, a meno di non voler offendere un genere nobile ed amato (considerazioni di chi scrive). In realtà di ammazzatina ce n’è una sola, ed è totalmente ai margini dello sviluppo narrativo; il fulcro della vicenda è appunto l’inganno – traduzione letterale del titolo americano – perpetrato ai danni del contabile dal mascalzone di turno. Peccato che non si faccia davvero nulla per dare alla situazione un po’ di verosimiglianza, né una parvenza di pathos: ogni scena è scontata, ogni svolta ampiamente prevedibile.
Pur volendo concedere il beneficio della “finzione scenica” a Langenegger e compagni, non si può ignorare quanto siano ridicole alcune circostanze, davvero al limite della farsa. A dare questa impressione contribuiscono certamente le interpretazioni di un cast totalmente fuori posto, poco credibile e mal calato in questi personaggi caratterizzati con l’accetta. Emblematica è la scena in cui McGregor e Jackman fumano dell’erba, delirando e ridendo a crepapelle: si tratta di una delle sequenze meno credibili (e peggio interpretate) dell’intera storia della cinematografia mondiale. Sembra quasi di stare assistendo all'ennesimo film del filone parodistico-demenziale che tanto è di moda ultimamente, invece che ad un thriller con aspirazioni da remake 70-80 troppo impegnato a prendersi tremendamente sul serio.
Lungi da me ogni intento sciovinistico, ma l’unica nota positiva dell’intera pellicola è senza dubbio la fotografia del nostro Dante Spinotti (Manhunter, L.A. Confidential), raffinata, perfetta, sprecata.
Contribuisce al malinteso la solita, criminale, distribuzione italiana, per la scelta di un titolo non solo cacofonico, ma totalmente fuori contesto. D’altronde l’unica speranza era accalappiare qualche boccalone facendo l’occhiolino a situazioni scabrose.
Ingannatore.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 27/08/2008 @ 19:14:33, in Re per una notte, linkato 2670 volte)

Ha inizio oggi la sessantacinquesima edizione della Mostra del Cinema di Venezia (27 agosto-6 settembre).
Ecco l'elenco dei film presentati, che completano il programma insieme ai cortometraggi della sezione Corto Cortissimo e alle pellicole de Questi fantasmi: Cinema italiano ritrovato (1946-1975), una speciale sezione monografica dedicata al cinema italiano ritrovato.

Venezia 65 - In concorso

Darren Aronofsky - The Wrestler – Usa, 105‘
Guillermo Arriaga - The Burning Plain – Usa, 147’
Pupi Avati - Il papà di Giovanna – Italia, 104’
Marco Bechis - BirdWatchers - La terra degli uomini rossi – Italia / Brasile, 108’
Patrick Mario Bernard, Pierre Trividic - L’Autre – Francia, 97’
Kathryn Bigelow - The Hurt Locker – Usa, 131’
Pappi Corsicato - Il seme della discordia – Italia, 85’
Jonathan Demme - Rachel Getting Married – Usa, 116‘
Haile Gerima - Teza – Etiopia / Germania / Francia, 140’
Aleksey German Jr. - Bumažnyj soldat (Paper Soldier) – Russia, 116’
Semih Kaplanoglu - Süt – Turchia / Francia / Germania, 102‘
Takeshi Kitano - Akires to kame (Achilles and the Tortoise) – Giappone, 119’
Hayao Miyazaki - Gake no ue no Ponyo (Ponyo on Cliff by the Sea) – Giappone, 101’
Amir Naderi - Vegas: Based on a True Story – Usa, 102‘
Mamoru Oshii - The Sky Crawlers – Giappone, 122’
Ferzan Özpetek - Un giorno perfetto – Italia, 95’
Christian Petzold - Jerichow – Germania, 93’
Barbet Schroeder - Inju, la Bête dans l’ombre – Francia, 105’
Werner Schroeter - Nuit de chien – Francia / Germania / Portogallo, 110’
Tariq Teguia - Gabbla (Inland) – Algeria / Francia, 140’
YU Lik-wai - Dangkou (Plastic City) – Brasile / Cina / Hong Kong/Cina / Giappone, 118’


Venezia 65 - Fuori concorso

Paolo Benvenuti - Puccini e la fanciulla – Italia, 84’
Joel Coen, Ethan Coen - Burn After Reading – Usa, 95’
Claire Denis - 35 Rhums – Francia / Spagna, 100‘
JIA Zhangke - Heshang aiqing (Cry me a river) (cortometraggio) – Cina / Spagna / Francia, 19’
Minoru Kawasaki - Guilala no gyakushu / Samitto kiki ippatsu! (Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!) – Giappone, 98’
Abbas Kiarostami - Shirin – Iran, 92’
José Mojica Marins - Encarnação do demonio – Brasile, 90’
Mario Monicelli - Vicino al Colosseo c’è Monti (cortometraggio) – Italia, 22’
Nonzee Nimibutr - Puen yai jom sa lad (Queens of Langkasuka) – Tailandia, 147’
Manoel de Oliveira - Do Visível ao Invisível (cortometraggio) – Brasile / Portogallo, 7‘
Agnés Varda - Les Plages d’Agnès – Francia, 100’
Fabrice du Welz - Vinyan – Francia / Gran Bretagna / Belgio, 95’


Fuori Concorso - Evento Speciale

Adriano Celentano - Yuppi Du (1975) – Italia, 125’


Fuori Concorso - Eventi

Domenico Modugno - Tutto è musica (1963) – Italia, 97’
Tito Schipa Jr. - Orfeo 9 (1973) – Italia, 82’
Piero Tellini - Nel blu dipinto di blu (Volare) (1959) – Italia, 104‘
Ferrán Alberich - Bajo el Signo de las Sombras (1984) – Spagna, 31‘
Youssef Chahine - Bab el-hadid (1958) – Egitto / Francia, 90’
Vittorio De Sica - Ladri di biciclette (1948) – Italia, 93’
Lorenzo Llbobet Gracia - Vida en Sombras (1947) – Spagna, 90‘
Masahiro Makino, Hiroshi Inagaki - Kettô Takadanobaba (1937) – Giappone, 64’
Pier Paolo Pasolini, Giuseppe Bertolucci - La rabbia di Pasolini – Italia, 84‘


Orizzonti

Ramin Bahrani - Goodbye Solo – Usa, 91‘
Julio Bressane, Rosa Dias - A Erva do Rato – Brasile, 80’
Lav Diaz - Melancholia – Filippine, 450‘
Jean-Pierre Duret, Andréa Santana - Puisque nous sommes nés - Francia / Brasile, 90’
Philippe Grandrieux - Un lac – Francia, 90’
HUANG Wenhai - Women - Cina / Svizzera, 102’
Mikhail Kalatozishvili - Dikoe Pole (Wild Field) – Russia, 104‘
Mirko Locatelli - Il primo giorno d’inverno – Italia, 88’
Ross McElwee - In Paraguay – Usa, 78’
Avi Mograbi - Z32 – Israele / Francia, 81’
Bahman Motamedian - Khastegi (Tedium) – Iran, 76’
Gerardo Naranjo - Voy a explotar – Messico, 106’
Arnaud des Pallières - Parc – Francia, 149‘
Francis Xavier - Pasion Jay – Filippine, 96‘
Eugenio Polgovsky - Los Herederos – Messico, 90‘
Marco Pontecorvo - PA-RA-DA – Italia / Francia / Romania, 100‘
Gianfranco Rosi - Below Sea Level – Italia / Usa, 110‘
Andreï Schtakleff, Jonathan Le Fourn - L’Exil et le royaume – Francia, 165‘
Emily Tang - Wanmei Shenhuo (Perfect Life) – Cina / Hong Kong, 97’
Tariq Tapa - Zero Bridge – India / Usa, 96’


Orizzonti - Eventi

Laura Angiulli - Verso Est – Italia / Bosnia Erzegovina, 70‘
Pietro Balla, Monica Repetto - ThyssenKrupp Blues – Italia, 73’
Mimmo Calopresti - La fabbrica dei tedeschi – Italia, 90‘
Daniele Di Biasio - Soltanto un nome nei titoli di testa – Italia, 52’
Carlo Di Carlo - Antonioni su Antonioni – Italia, 55’
Antonello Sarno, Steve Della Casa - Venezia ‘68 – Italia, 39’
Matt Tyrnauer - Valentino: The Last Emperor – Usa, 96’


 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 11/08/2008 @ 19:02:06, in Contenuti Speciali, linkato 1673 volte)

E' online il numerosette (luglio/agosto 2008) della rivista digitale Rapporto Confidenziale (http://confidenziale.wordpress.com/).
Un numero "doppio", per congedarci prima delle meritate vacanze.
Da segnalare lo speciale su Abel Ferrara, il reportage dal Volcano Film Festival, oltre alla consueta mole di recensioni ed approfondimenti.
Contribuiamo con qualche review e due "mini-saggi".

Vi rimando al blog della rivista per il sommario completo.
Il comandamento è sempre lo stesso:

Diffondete, diffondete, diffondete...

# Versione alta qualità (13,4 MB)
# Versione bassa qualità (5,5 MB)

da questo mese "sfogliabile" anche online a questo indirizzo.

A settembre!

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 02/08/2008 @ 10:02:45, in Al Cinema, linkato 2348 volte)

Nella rete del serial killer
(Untraceable)
Gregory Hoblit, 2008 (Usa), 100’
uscita italiana: 1 agosto 2008
voto su C.C.
 
In una intervista piuttosto recente, rilasciata a Sky Cinema in concomitanza con la prima del suo Redacted, il maestro Brian De Palma, accigliato e un po’ supponente, faceva notare alla sua interlocutrice che ormai nel cinema thriller c’è ben poco da inventare: girare un film di quel genere è diventato quasi noioso, scontato. Pronunciata da colui che, nei primi anni ottanta, rivitalizzò il modo di dirigerli quei film, con una serie di opere memorabili (Blow Out, Vestito per uccidere, Omicidio a luci rosse, tanto per fare qualche nome) questa pessimistica previsione può essere considerata non priva di un qualche fondamento.
In realtà la situazione non è poi così nera, ma certamente il processo (che sembra inarrestabile) di deriva del thriller verso una ibridazione con horror-splatter e grand guignol sta nocendo enormemente al genere.
Gregory Hoblit (Schegge di Paura) osa fare quasi di peggio: miscelare una sorta di Saw poco coraggioso con massicce dosi di qualunquismo, degne del miglior talk show condotto da Massimo Giletti. Il risultato è il suo Untraceable, un modesto thriller innalzato sopra il limite della decenza solo dalla convincente interpretazione di Diane Lane.
 
In quel di Portland uno psicopatico (Joseph Cross) si diverte a torturare in streaming su internet prima animali e poi uomini, lasciando al voyeurismo degli americani ogni colpa delle sue nefandezze. Le uccisioni risultano infatti tanto più veloci quanti più utenti sono online a guardarle.
Alla specialista dell’FBI Marsh (Diane Lane), vedova con prole, spetta il compito di fermare il capacissimo killer, barcamenandosi tra IP, gateway e paroloni simili.
 
Sin dalle primissime scene è palese l’attaccamento (un po’ morboso) di Hoblit e della sua allegra compagnia nei confronti di ogni cliché del genere, anche quelli più beceri e scontati.
Mentre gli si perdona il montaggio decisamente “furbo” delle prime sequenze – un click sul computer che diventa una porta sfondata, con tanto di salterello sulla poltrona per l’ignaro spettatore – proprio non si può fare a meno di notare come, da quell’istante in poi, ogni svolta della trama ed ogni artificio usato siano quanto di più scontato e banale ci si potesse aspettare.
Il papocchio inizia dalla fotografia (di Anastas Michos), che fa un criminale uso dell’oscurità in modo continuato e fastidioso, e termina in quasi tutte le scelte stilistiche di Hoblit, colpevole di non riuscire ad ottenere pathos neanche nel confronto finale – forse perché ben prevedibile sin dal primo minuto del film.
La scelta di rivelare le sembianze del killer neanche a metà pellicola è poi quantomeno discutibile: oltre a non essere utile allo sviluppo narrativo in alcun modo, la mancanza del classico meccanismo del whodunit fa svanire anche gli ultimi barlumi di interesse nei confronti della storia – eppure c’è voluto un notevole trust di cervelli per scriverla, ben tre autori.
Come detto, la sola a salvarsi è Diane Lane, brava a trarre dall’ennesimo cliché ambulante (la donna resa vedova dalla morte in servizio dell’eroico marito poliziotto, con figlia minacciata dal cattivone di turno) qualche aspetto interessante e credibile.
Vero tocco di classe è senza dubbio il qualunquismo strisciante che permea tutto il film, quella sottile (ma mica tanto) critica al macabro voyeurismo degli utenti della Rete oltre che agli scarsissimi mezzi a disposizione per controllarlo. Peccato che poi sia la stessa opera di Hoblit a risultare un esempio emblematico di quel gusto per l’orrido così strenuamente osteggiato, con corpi decomposti, mutilati, sciolti nell’acido.
Assecondando le tesi dello psicopatico protagonista, il fatto che Untraceable sia finito nelle sale cinematografiche è soprattutto colpa di chi lo andrà a vedere.
Nel mio piccolo, chiedo scusa al mondo.
Demagogico.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


27/02/2017 @ 19:11:41
script eseguito in 62 ms