Pianosequenza.net
Immagine
 Truffaut... di Emanuele P.
 
"
Non c'è niente di permanente in questo mondo malvagio, neanche i dispiaceri.

Charles Chaplin
"
 
\\ Ingresso : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
a cura di Emanuele P. (del 28/11/2007 @ 09:33:35, in Re per una notte, linkato 2685 volte)
E' in svolgimento a Torino la venticinquesima edizione del Torino Film Festival (23 novembre-1 dicembre).
Ecco l'elenco dei film presentati nella manifestazione curata da Nanni Moretti.

Torino 25 (film in concorso):

AWAY FROM HER di Sarah Polley (Canada, 2006, 35mm, 110’) (distr. Videa)
THE BLUE HOUR di Eric Nazarian (USA, 2007, HDcam, 93’)
THE ELEPHANT AND THE SEA di Ming Jin Woo (Malesia, 2007, Digibeta, 100’)
GARAGE di Lenny Abrahamson (Irlanda, 2007, 35mm, 85’)
GYEONG-UI-SEON/ THE RAILROAD di Heung-sik Park (Corea del Sud, 2006, 35mm, 107’)
THE HOME SONG STORIES di Tony Ayres (Australia, 2007, 35mm, 103’)
HULING BALYAN NG BUHI: O ANG SINALIRAP NGA ASOY NILA/ THE WOVEN STORIES OF THE OTHER
di Sherad Anthony Sanchez (Filippine, 2007, Beta SP, 89’)
KUNSTEN Å TENKE NEGATIVT/ THE ART OF NEGATIVE THINKING di Bård Breien (Norvegia, 2007, 35mm, 79’)
LARS AND THE REAL GIRL di Craig Gillespie (USA, 2007, 35mm, 106’) (distr. DNC)
LINO di Jean-Louis Malesi (Francia, 2007, 35mm, 83')
NAISSANCE DES PIEUVRES di Cèline Sciamma (Francia, 2007, 35mm, 85’)
NEANDERTAL di Jan Christoph Glaser e Ingo Haeb (Germania, 2006, 35mm, 103’)
NOISE di Matthew Saville (Australia, 2007, 35mm, 108’)
THE SAVAGES di Tamara Jenkins (USA, 2007, 35mm, 114’) (distr. 20th Century Fox)
VOLGELFREI di Janis Kalejs, Janis Putnins, Gatis Smits e Anna Viduleja (Lettonia, 2007, 35mm, 95’)


Anteprime:

10 ITEMS OR LESS di Brad Silberling (Usa, 2006, 35mm, 82’) (distr. DNC)
CHARLIE BARTLETT di Jon Poll (Usa, 2007, 35mm, 96’) (distr. DNC)
EASTERN PROMISES di David Cronenberg (Canada/Usa/Uk, 2007, 35mm, 100’) (distr. Eagle Pictures)
IRINA PALM di Sam Garbarski (Belgio/Germania/Lussemburgo/Uk/Francia, 2007, 35mm, 103’) (distr. Teodora)
MY BLUEBERRY NIGHTS di Wong Kar Wai (Hong Kong/ Cina/ Francia, 2007, 35mm, 111’) (distr. Bim)
ONCE di John Carney (Irlanda, 2006, 35mm, 88’) (distr. Eagle Pictures)
A THOUSAND YEARS OF GOOD PRAYERS di Wayne Wang (Usa, 2007, 35mm, 83’) (distr. Mikado)


Panorama italiano:

IN FABBRICA di Francesca Comencini (Italia, 2007, DigiBeta, 73’) (prod./distr. Rai Cinema)
LASCIA PERDERE, JOHNNY! di Fabrizio Bentivoglio (Italia, 2007, 35mm, 104’) (distr. Medusa)
NELLE TUE MANI di Peter Del Monte (Italia, 2007, 35mm, 100’) (distr. Teodora)
SIGNORINA EFFE di Wilma Labate (Italia, 2007, 35mm) (distr. 01 Distribution)
VOGLIAMO ANCHE LE ROSE di Alina Marazzi (Italia, 2007, 35mm, 85’) (distr. Mikado)


Fuori concorso:

ACTRICES di Valeria Bruni Tedeschi (Francia, 2007, 35mm, 107’)
ADEUL/ MY SON di Jin Jang (Corea del Sud, 2007, 35mm, 103’)
ALEKSANDRA/ ALEXANDRA di Aleksandr Sokurov (Russia/ Francia, 2007, 35mm, 92’)
AN SEH / THOSE THREE di Naghi Nemati (Iran, 2007, 35mm, 80’)
BRICK LANE di Sarah Gravon (Uk, 2007, 35mm, 101’)
BUFOR/ BEAUFORT di Joseph Cedar (Israele, 2007, 35mm, 125’)
CEOT OI KAP GEI/ EXODUS di Pang Ho-Cheung (Hong Kong, 2007, 35mm, 94’)
DOC di Immy Humes (Usa, 2007, Betacam, 98')
FARKAS/ WOLF di Tamás Tóth (Ungheria/Russia, 2007, 35mm, 71’)
LOS LADRONES VIEJOS di Gonzáles Reyes Everardo (Mexico, 2007, 35mm, 97’)
THE PRINCESS OF NEBRASKA di Wayne Wang (Usa, 2007, 35mm, 77’)
THE TRACEY FRAGMENTS di Bruce McDonald (Canada, 2006, 35mm, 80’)


Lo stato delle cose:

CELLULOID #1 di Steve Staso (Usa, 2007, HD, 78')
THE DOORMAN di Wayne Price (Usa, 2006, Digibeta, 80’)
ENFANCES di Ismaël Ferroukhi, Corinne Garfin, Khalil Joreige, Joana Hadjithomas, Isild Le Besco e Yann Le Gal, Safy Nebbou (Francia, 2007, 35mm, 80’)
JOE STRUMMER: THE FUTURE IS UNWRITTEN di Julien Temple (Irlanda/ Uk, 2007, 35mm, 123’) (distr. Ripley’s Film)
LYNCH di blackANDwhite (Usa/Danimarca, 2007, Digibeta, 82’)
MANUFACTURING DISSENT di Rick Caine e Debbie Melnyk (Canada, 2007, Digibeta, 74’)
MORCEAUX DE CONVERSATIONS AVEC JEAN-LUC GODARD di Alain Fleischer (Francia, 2007, Digibeta, 125’)
NEVER APOLOGIZE: A PERSONAL VISIT WITH LINDSAY ANDERSON di Mike Kaplan (Usa/ Uk, 2007, Digibeta, 111’)
LE RETOUR DES CINÉPHILES di Louis Skorecki (Francia, 2007, Betacam 52’)
DER ROTE ELVIS di Leopold Gruen (Germania, 2007, Digibeta, 90’)
THE TREE OF GHIBET di Amedeo D’Adamo e Nevina Satta (Italia/Cameroun/Usa, 2007, Digibeta, 80’)
LA VOCE UMANA di Pappi Corsicato (Italia, 2007, Digibeta, 20’)
VIVA di Anna Biller (Usa, 2006, 35mm, 120’)
THREE EXAMPLES OF MYSELF AS QUEEN di Anna Biller (Usa, 1994,16mm 27’)
A VISIT FROM THE INCUBUS di Anna Biller (Usa, 2001, 16mm, 27’)
THE HYPNOTIST di Anna Biller (Usa, 2001,16mm, 45’)


La zona:

Lungometraggi:
AUTOHYSTORIA di Raya Martin (Filippine, 2007, Beta SP, 92’)
BOLBORETA, MARIPOSA, PAPALLONA di Pablo García Pérez de Lara (Spagna, 2007, 35mm, 87’)
GHIRO GHIRO TONDO di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi (Italia, 2007, Digibeta, 60’)
JEONJU DIGITAL PROJECT: MEMORIES di Pedro Costa, Harun Farocki e Eugène Green (Corea del Sud, 2007, DigiBeta, 102’)
JING TU/ BURNING di Bai Fujian e Shen Yanjun (Cina, 2007, HDCam, 101’)
A LONDONI FÉRFI/ THE MAN FROM LONDON di Béla Tarr (Ungheria/ Germania/ Francia, 2007, 35mm, 135’)
RAZZLE DAZZLE/ THE LOST WORLD di Ken Jacob (Usa, 2007, HD, 92’)
SONG di Antoine Barraud (Francia, 2007, Digibeta, 71’)
TEJÚT / MILKY WAY di Benedek Fliegauf (Ungheria/ Germania, 2007, 35mm, 82’)
ULTIMO: DISTINTAS MANERAS DE MATAR UN HEROE NACIONAL di Khavn De La Cruz (Filippine, 2007, Beta SP, 88’)
THE WOMAN OF THE THOUSAND VOICES di Amram Jacoby (Israele, 2007, Digibeta, 66’)

Medio e cortometraggi:
AMOREMORTE di Armando Ceste (Italia, 2007, Digibeta, 30’)
ANTESALA di Pedro Freire (Cuba/Brasile, 2006, Beta SP, 13’)
AVANT PÉTALOS GRILLADOS di Velasco Broca (Spagna, 2007, 35mm, 10’)
BARDO di Gabriel Mariño (Messico, 2007, Betacam, 48’)
CAPITALISM: SLAVERY di Ken Jacobs (Usa, 2006, Beta SP, 3’)
COCÓ Y NICÓ di Alejandro Cantù (Messico, 2007, 35mm, 5’)
GANCI di Luca Pastore (Italia, 2007, Digibeta, 10’)
JULY TRIP di Waël Noureddine (Francia, 2007, Beta SP, 35’)
MAL’CHIKI/ BOYS di Valeria Gui Germanica (Russia, 2006, DVD, 36’)
MOCKBA/ MOSCOW di Bakur Bakuradze e Dmitriy Mamuliya (Russia, 2007, Beta SP, 35’)
NOT A MATTER OF IF BUT WHEN: BRIEF RECORDS OF A TIME IN WHICH EXPECTATIONS WERE REPEATEDLY RAISED AND LOWERED AND PEOPLE GREW EXHAUSTED FROM NEVER KNOWING IF THE MOMENT WAS AT HAND OR WAS STILL TO COME di Julia Meltzer e David Thorne (Usa, 2006, Beta SP, 32’)
OLIGARCHICO (MOSAICO DA CAMERA) di Carlo Michele Schirinzi (Italia, 2007, 14’)
ON THE THIRD PLANET FROM THE SUN di Pavel Medvedev (Russia, 2007, 35mm, 31’)
PUNA di Khourian Hernàn (Argentina, 2006, Digibeta, 43’)
THE REPLACEMENT CHILD di Justin Lerner (Usa, 2007, 35mm, 25’)
SEASCAPE #1 NIGHT, CHINA SHENZHEN 05 di Olivo Barbieri (Italia, 2006, DVD, 10’)
THE SECOND LINE di John Magary (Usa, 2007, HD, 20’)
SOPA DE PESCADO di Nuria Ibáñez (Messico, 2007, 35 mm, 7’)
UOMO - MASSA di Cane Capovolto (Italia, 2007, Beta SP, 57’)
MYTHOS di Sun Xun (Cina, 2006, Beta SP, 10’)
REQUIEM di Sun Xun (Cina, 2007, Beta SP, 7’)
SHOCK OF TIME di Sun Xun (Cina, 2006, Beta SP, 5’)
INSOMNIAC CITY di Ran Slavin (Israele, 2004-2006, Digibeta, 40’)
FACIAL WITNESS di Ran Slavin (Israele/Svizzera, 2006, Digibeta, 3’)
GOLDEN TWILIGHT MOMENTS di Ran Slavin (Israele/ Egitto, 2005, Digibeta, 2’)
INVISIBLE HARMONIES di Ran Slavin (Israele/Germania, 2005, Digibeta, 8’)
DREAMZONE 537 di Ran Slavin (Israele/Polonia/Svizzera, 2003, Digibeta, 6’)
NORTH STATION DM 528 di Ran Slavin (Israele/Alaska, 2003, Digibeta, 8’)
ORGANIC URBANIC di Ran Slavin (Israele, 2002, Digibeta, 9’)
UNTITLED di Ran Slavin (Istraele, 2005, Digibeta, 2’)


Italiana.doc:

ABC COLOMBIA di Enrica Colusso (Italia/Francia, 2007, Digibeta, 88’)
BIÙTIFUL CAUNTRI di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Giuseppe Ruggiero (Italia, 2007, Beta SP, 72’)
IL CONFINE di Stefano Mordini (Italia, 2007, Digibeta, 70’) (distr. Mikado)
L'ESAME DI XHODI di Gianluca De Serio e Massimiliano De Serio (Italia, 2007, Digibeta, 62’)
LA MAL’OMBRA di Francesco Cressati e Andrea Segre (Italia, 2007, Digibeta, 70’)
LA NACION MAPUCE di Fausta Quattrini (Svizzera/Italia/Argentina, 2007, Beta SP, 96’)
LES NINJAS DU JAPON di Giovanni Giommi (Italia, 2007, Digibeta, 83’)
NOI DOBBIAMO DECIDERCI di Felice D’Agostino e Arturo Lavorato (Italia, 2007, Digibeta, 60’)
ROMA RESIDENCE di Andrea Foschi, Marco Stefano Innocenti, Marco Neri e Pietro Pasquetti (Italia, 2007, Beta SP, 60’)
TALSI - CONFINI D'EUROPA # 4 di Corso Salani (Italia, 2007, Digibeta, 54’) (distr. Vivo Film)
WIE ICH BIN/ COSÍ COME SONO di Ingrid Demetz (Italia, 2007, Beta SP, 48’)


Italiana.corti:

ALL'ALBA di Anton Giulio Mancino (Italia, 2007, Beta SP, 9’)
L'ALLEGORIA DEL COATTO DI NEANDERTHAL di Simone Tartocchi (Italia, 2007, Beta SP, 27’)
CADONO LE MAMME di Cinzia Ghioldi e Roberto Rabitti (Italia, 2007, Beta SP, 5’)
DA LONTANO di Adriano Valerio (Italia/ Francia, 2007, Beta SP, 16’)
FEDELI ALLA LINEA, QUASI di Tommaso Lessio (Italia, 2007, Beta SP, 18’)
GIGANTI di Fabio Mollo (Italia, 2007, 35mm, 23’)
IMPRESSIONI DI META' SECOLO di Sergio Canneto (Italia, 2007, Beta SP, 18’)
LAST KODACHROME 40 FOR A NIZO S800 di Davide Pepe (Italia, 2007, Beta SP, 5’)
LUIS di Mauro Paglialonga (Italia/Colombia, 2007, Beta SP, 30’)
PRIMOGENITO COMPLESSO di Tomás Creus e Lavinia Chianello (Italia/Brasile, 2007, DVD, 12’)
RAGAZZO ROSSO di Marco Zagaglia (Belgio/Italia, 2007, Digibeta, 9’)
RESISTENCIA di Caterina Gueli (Italia, 2007, Beta SP, 12’)
IL RESTO DI UNA STORIA di Antonio Prata (Italia/Svizzera, 2007, Digibeta, 30’)
TRAMONDO di Giacomo Agnetti e Davide Bazzali (Italia, 2007, Beta SP, 16’)
UMANZA di Carmelo Montagno (Italia, 2007, Beta SP, 17’)


L'amore degli inizi:

CHI LAVORA E' PERDUTO di Tinto Brass (Italia, 1963, 35mm, 90’)
LA LUNGA NOTTE DEL '43 di Florestano Vancini (Italia, 1960, 35mm, 101’)
LA SFIDA di Francesco Rosi (Italia/ Spagna, 1958, 35mm, 95’)
IL TERRORISTA di Gianfranco De Bosio (Italia, 1963, 35mm, 100’)
UN UOMO DA BRUCIARE di Paolo e Vittorio Taviani, Valentino Orsini (Italia, 1962, 35mm, 92’)


Sono in programma retrospettive dedicate a John Cassevetes e Wim Wenders, oltre che la presentazione delle versioni restaurate di Dillinger è morto (1969) di Marco Ferreri e di Maciste nella gabbia dei leoni (1926) di Guido Brignone con l’accompagnamento dal vivo in sala del gruppo dei Marlene Kuntz.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 26/11/2007 @ 14:40:37, in Re per una notte, linkato 3349 volte)

Con enorme e colpevole ritardo, ecco qualche parola sulla seconda edizione della Festa del Cinema di Roma [o RomaFilmFest o RomaCinemaFest o quant’altro]; ma sia ben chiaro: in questo post di cinema non si parla…
 
Occorre iniziare con una doverosa premessa: i vostri corrispondenti arrivano alla Festa in qualità di illustrissimi signor Nessuno. Niente accrediti, niente tessere e tesserini, niente amiconi che aumm aumm ti fanno passare o ti regalano biglietti. Solo un po’ di buona volontà e l’ingresso a qualche spettacolo prenotato online.
Questa palese imperizia ci porta a parcheggiare, il giorno dell’inaugurazione (e solo quello), nell’apposito autosilo dell’Auditorium, luogo comodissimo ma scandalosamente esoso – viene il dubbio che vengano da lì i fondi per il nuovo Partito dei popoli Democratici della libertà (?!).
L’uscita del suddetto parcheggio catapulta i vos. corrisp. in pieno red carpet e ciò, insieme alla evidente organizzazione in fieri dell’evento, ci consente di scorrazzare in posti teoricamente dall’accesso vietato.
Ad un primo sguardo, il villaggio del cinema sembra un bizzarro incrocio tra una sagra della porchetta e una edizione qualsiasi dello SMAU: gente che vaga senza meta, una miriade di stand pubblicitari – tra cui fa bella mostra quello dedicato alla AAMS [w il gioco d’azzardo che “arricchisce” il paese], catering all’aperto dagli odori più o meno nauseabondi, donnine ammiccanti che propongono qualsiasi tipo di volantinaggio o bibita promozionale – ovviamente accettate sfoggiando un sorriso ebete. Ben nascosto – i vos. corrisp., in uno dei momenti di stanca, lo hanno cercato per diversi minuti, imbattendosi una decina di volte in Gianni Minà che girava entusiasta per i suoi mille documentari su Cuba proposti – è presente lo store della Festa: una specie di squallido seminterrato in cui dubitiamo che qualcuno abbia speso anche solo un euro. Decisamente più visibile è il negozio di libri-DVD-musica-cartoleria che espone in bella mostra la bibliografia completa dello zio Walter. Qualche improbabile memorabilia ispirato ai disegni di Fellini – molto interessante la mostra dedicata, all’interno dell’Auditorium – e una vagonata di opere della Minimum Fax sono il fiore all’occhiello di quello che risulta essere l’unico semi-interessante “stand” presente nel villaggio – eccezion fatta per la esclusivissima lounge di RaiSat, un cubicolo illuminato con luci stroboscopiche e pieno di improbabili personaggi, cui naturalmente i vos. corrisp. erano lungi dall’avere accesso.
 
L’intorno del tappeto rosso è un delirio per la maggior parte delle giornate: gente di ogni età che si accalca, preme, pur di scattare una foto col suo videofonino. Che a passare siano Monica Bellucci o Carlo Mazzacurati – da ammirare mentre si ferma alla postazione di E! per essere intervistato da una abbagliante Hellen Hiddink brandendo fiero un sigaro fumante – il risultato è il medesimo.
Superata però la zona ad accesso libero e giunti in quella riservata ai ticket owner – che definizione chic – l’atmosfera cambia leggermente: ai videofonini si sostituiscono complesse reflex più o meno digitali dotate di ingombranti teleobiettivi e si inizia ad incontrare il “popolo della telecomunicazione”. Tralasciando una soddisfattissima intervistatrice, che pretendeva di conoscere le impressioni sulla Festa il giorno dell’inaugurazione, ogni operatore è in fermento e rigorosamente ghettizzato nel suo apposito spazio vitale, segnalato da un post-it con su il nome della trasmissione/rete. Tra una imprecazione e l’altra degli addetti, furiosi con l’organizzazione per la disposizione suicida dei fari sul red carpet, è così possibile accalcarsi dietro l’operatore che lavora per il programma di Marzullo (!) o incontrare l’effeminato e fastidiosissimo inviato de La vita in diretta, che spaesato si chiede dove sia Loredana Lecciso [e soprattutto capita di imbattersi in meravigliose corrispondenti di alcune tv asiatiche-americane con vestiti che non avrebbero sfigurato al galà per gli AVN Awards].
Il delirio del tappeto rosso è contagioso ed i vos. corrisp., non propriamente capaci di intendere e volere, si ritrovano pressati contro le transenne a guardare qualche figurante che passeggia fiero. Bastano però le urla delle pubescenti teenager presenti alla vista del brufoloso interprete di turno per farci tornare alla realtà, con successiva ed inevitabile fuga dal red carpet prima che le nostre anime siano irrimediabilmente compromesse.
Le strutture, concepite dall’onnipresente Renzo Piano, hanno un aspetto stupendo, ma una praticità praticamente nulla: i posti di ogni sala in cui ci siamo recati – tranne che per qualche fila – si sono rivelati adatti ad ospitare dei pigmei cinefili, piuttosto che persone dalle dimensioni “normali”. Risultato: gambe alla gola ed intorpidimenti garantiti.
Surreale poi, all’interno dell’Auditorium, la presenza di numerosi monaci birmani (vedi foto all’inizio dell’articolo) che popolavano parte degli edifici e vendevano, in un apposito stand a loro dedicato, dell’artigianato equosolidale.
 
Dei film e degli eventi si è già avuto modo di parlare, e si parlerà, ma è d’uopo dedicare qualche parola in questo reportage – degno della peggiore rivista giornalettistica – agli incontri con i registi (Coppola e Bertolucci) a cui i vos. corrisp. hanno presenziato.
Nel caso del regista italo-americano, abbiamo assistito ad una intervista a momenti insopportabile: l’endemica mancanza di un critico/interlocutore degno di nota ha fatto si che lo stesso Coppola – dopo essersi sentito porre domande improbabili e banali sulla sua filmografia oltre che un accorato appello a «girare una pellicola su un Papa» – abbia mostrato un certo fastidio nei confronti dei “relatori”, criticando la scelta di dedicare poco tempo alle (uniche) domande interessanti, quelle poste dal giovanissimo pubblico presente in sala.
Per quanto riguarda l’incontro con Bertolucci, l’organizzazione romana ha dato il peggio di sé, impedendo a numerosissimi spettatori (rigorosamente paganti) l’ingresso nella sala anche solo dopo pochi minuti dall’orario di inizio – posti non più disponibili perché occupati da fieri giornalisti rigorosamente non paganti. In un modo o nell’altro – meglio non sapere – i vos. corrisp. sono riusciti a raggiungere la sala, giusto in tempo per assistere alla immancabile domanda di un presenzialista di questi eventi: l’ominide in disperata ricerca di visibilità, che iniziava sempre le sue domande affermando orgoglioso di essere “un attore”. Per fortuna Bertolucci (al contrario di Coppola) parla italiano ed ha come spalla un esilarante Depardieu; questo ci salva dal solito presentatore.
 
Dopo una intensa settimana, il villaggio non aveva più segreti per i vos. corrisp. [in realtà il principale ostacolo si è rivelato trovare la prima sera i biglietti già prenotati. Siamo stati sapientemente depistati dal personale della Festa, arrivato addirittura a portarci fuori strada descrivendoci degli appositi stand sotterranei che si rivelavano essere inesistenti] e la manifestazione giungeva verso il termine.
Una manifestazione quanto mai veltronista (termine dal significato ambiguo ed affascinante), che cercando di unire tutto e il contrario di tutto finisce col risultare confusa e ancora troppo “acerba”.
Ma l’immagine della Festa, aperta a tutti e snob il meno possibile, è sempre affascinante: vedere ad una prima due aspiranti top model cadute da un numero di Vanity Fair affiancate da ragazzi in felpa e maglietta degli Iron Maiden, non ha prezzo.
 
I vostri corrispondenti da Roma, Emanuele P. e Mario T.
 

Si ringrazia per l’ispirazione il santo protettore degli inviati cialtroni,
David Foster Wallace


# Festa del Cinema 2007: Vincitori
# Recensioni:
- Rendition di Gavin Hood
- Before the Devil Knows You're Dead di Sidney Lumet
- Le Deuxième souffle (Second Wind) di Alain Corneau
- La giusta distanza di Carlo Mazzacurati
- Lions for Lambs di Robert Redford
- Juno di Jason Reitman
- Into the wild di Sean Penn
- Peur(s) du noir di AA.VV. - prossimamente

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 21/11/2007 @ 23:30:22, in Al Cinema, linkato 1605 volte)

Vi rimandiamo alla recensione di 1408, film tratto dall'omonimo racconto di Stephen King, in uscita nelle sale italiane da venerdì 23 novembre.

1408
(1408)
Mikael Håfström, 2007 (Usa), 94'

Appartengo a quella sparuta cerchia di lettori un po’ fanatici che si sono ritrovati per le mani On Writing, “l’autobiografia-pseudo manuale di scrittura” che Stephen King propose qualche annetto fa.

continua a leggere...

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 17/11/2007 @ 09:45:24, in Al Cinema, linkato 3724 volte)

A Mighty Heart - Un cuore grande
(A Mighty Heart)
Michael Winterbottom, 2007 (Usa), 108'
uscita italiana: 16 novembre 2007
voto su C.C.

Raccontare una storia “vera”, per di più estremamente tragica ed assolutamente recente, non è semplice. Michael Winterbottom, ormai autore di docu-fiction in serie – da The Road to Guantanamo in giù – ci riesce discretamente puntando tutto sull’indubbio impatto emotivo dell’avvenimento e su una sorprendente interpretazione di Angelina Jolie, credibile e lontana dal “personaggio” che spesso ha contribuito a costruirsi.

Tratta dal libro scritto dalla stessa Mariane Pearl (la Jolie nel film), la storia narra la tragica vicenda di un giornalista, Daniel Pearl (interpretato da Dan Futterman), responsabile per il Sud dell'Asia del Wall Street Journal, rapito ed in seguito barbaramente giustiziato – esecuzione a cui tutto il mondo poté assistere – nei primi mesi del 2002 da un gruppo di fondamentalisti islamici.

Lo stile di Winterbottom è il consueto, con montaggio serratissimo e grande attenzione al mondo del giornalismo e della comunicazione. Il suo è un docu-film, documentario fittizio ma molto efficace nel raccontare la storia mantenendo quanto più possibile la “giusta distanza” dalle emozioni, evitando un eccessivo coinvolgimento.
La grandissima forza di Mariane (incinta di sei mesi all’epoca del rapimento) è abilmente enfatizzata, fino all’ultimo agghiacciante grido di fronte alla ineluttabile certezza che ogni speranza è andata persa. Come detto, l’interpretazione della Jolie è decisamente all’altezza, così come quelle del resto del cast, in parte e mai sopra le righe.
Winterbottom, già “castigatore” degli USA nel suo film-denuncia sul disprezzo dei diritti umani in quel di Guantanamo, decide di spostare lo sguardo anche sull’altra faccia della medaglia, sul mondo del fondamentalismo islamico, facendo però ben attenzione a non incappare in facili generalizzazioni – significativo il modo in cui sono proposti i numerosi “indigeni” che supportano Mariane durante i tragici giorni di attesa, in netto contrasto ad esempio con la insopportabile agente FBI che fa capolino solo in poche scene.
Il risultato è un film sufficientemente equilibrato, che manca però di un approfondimento sul contesto in cui gli eventi ebbero luogo e sulle conseguenti implicazioni politiche, culturali e morali. Winterbottom preferisce limitarsi a raccontare la storia di Mariane, la sua terribile tragedia ma anche il suo ammirabile coraggio nell’affrontarla. D’altronde, come afferma la donna in una delle sequenze finali del film, questo è l’unico modo in cui reagire: non permettere ai terroristi di raggiungere il loro obbiettivo.
Non avere paura.

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 12/11/2007 @ 10:02:06, in Amarcord, linkato 3067 volte)

L’inquilino del terzo piano
(Le locataire)
Roman Polanski, 1976 (Francia), 125’

A volte bastano una giusta atmosfera e del cristallino talento cinematografico a fare di una storia non particolarmente brillante un notevole esercizio di stile. L’inquilino del terzo piano, film tratto dal romanzo di Roland Topor Le locataire chimerique, ne è un validissimo esempio.
Lo stesso Polanski interpreta un imbranato e sin troppo assecondante impiegato in cerca di un alloggio nella Parigi degli anni ’70. Trovato finalmente un appartamento decente, il giovane decide di “bloccarlo” provando ad ignorare la tragedia che aveva coinvolto la precedente inquilina.
La ragazza infatti si era inspiegabilmente suicidata ed il buon signor Trelkovsky (Polanski) la assiste nei suoi ultimi, dolorosissimi, momenti di vita. Ha così modo di conoscere la sua migliore amica (Isabelle Adjani) con la quale intraprenderà una scostante ed ambigua relazione, ma soprattutto potrà iniziare a provare una sempre crescente empatia/immedesimazione nei confronti della giovane ragazza che aveva deciso di togliersi la vita.
In un climax di paranoia e distaccamento dalla realtà, Trelkovsky imparerà a conoscere gli insopportabili e luciferini “vicini di casa” che abitano il condominio, finendo lentamente col trasformarsi nella donna che abitava nel suo appartamento, sino alle tragiche ed estreme conseguenze.

Polanski è abilissimo nell’inventare la paura, la tensione, l’atmosfera dove non dovrebbero esserci: supportato dalla ottima fotografia di Sven Nykvist, riesce – soprattutto nella prima parte del film – a costruire attorno all’appartamento un’aura di mistero e di inquietudine, suggerendo e insinuando dubbi sulla natura di tutta una serie di situazioni che si vengono a creare. Magistrale poi il modo in cui lo stesso protagonista è ritratto da Polanski – non manca una sana vena polemica sul pregiudizio per i francesi “naturalizzati” – nella sua graduale metamorfosi più o meno forzata, che inizia dalle abitudini alimentari e termina brutalmente in un insostenibile terrore del prossimo, cospiratore e maligno. È in quest’ultima parte della pellicola che il film diventa ossessivo e ridondante, abbandonando la patina di ragionevolezza che sino a quel momento lo aveva coperto e concedendosi momenti di simil fantascienza che comunque non rovinano l’atmosfera già abilmente costruita.
Manifesto del cinema di Polanski, L’inquilino del terzo piano è uno stimolante esercizio di stile che non si fatica ad apprezzare anche a trent’anni di distanza dalla sua uscita nelle sale e nel quale è possibile ritrovare atmosfere e sviluppi narrativi che sarebbero stati poi ripresi con alterni successi da numerosi altri registi (vedi Lynch).
Profetico.

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 08/11/2007 @ 11:56:28, in Amarcord, linkato 2058 volte)


Gli insospettabili

(Sleuth)

Joseph L. Mankiewicz, 1972 (Gran Bretagna), 138’

All’ultimo festival di Venezia è stato presentato il remake di questo film del 1972, con protagonista ancora una volta Michael Caine affiancato dal suo giovane e presunto “erede” Judd Law.
Il compito del nuovo regista (Kenneth Branagh) sarà davvero complesso perché la pellicola originale – Gli insospettabili in una incomprensibile traduzione italiana – è un vero capolavoro, giallo dai connotati grotteschi di grandissima qualità, interpretato da una magnifica coppia di protagonisti, affiatati ed istrionici.

 L’affermato scrittore di gialli Andrew Wyke (Laurence Olivier) invita nella sua reggia l’amante della moglie, un avvenente parrucchiere dalle origini italiane (Michael Caine), con lo scopo di spaventarlo a morte, vendicandosi dell’ “onta” subita.
Il giallista troverà però nel giovane avversario un degnissimo rivale.
 
Mankiewicz dirige magistralmente lo script di Anthony Shaffer – autore anche dell’opera teatrale da cui il film è tratto – puntando tutto sulla perfetta scenografia di Ken Adam e sulla abilità di Olivier e Caine (che in alcuni frangenti assomiglia in modo incredibile a Law), capaci di reggere la scena da soli.
Tra automi, porte segrete ed ogni genere di altra diavoleria ed inganno – anche nei titoli di testa, in cui sono presenti quattro nomi fittizi di attori – la storia si svolge intensa, divertente e mai scontata. Nulla è davvero come sembra e lo spettatore gongola di fronte a una pellicola praticamente perfetta.
Il film tradisce la sua origine “teatrale” nelle location, essendo di fatto ambientato in soli (e pochi) interni, ma ciò non toglie nulla alla qualità della realizzazione, tutt’altro: come da lezione hitchcockiana (vedi Nodo alla gola, Il delitto perfetto) anche pochi teatri di posa, se ben disegnati e soprattutto se calcati da attori di razza possono consentire la realizzazione di grandi capolavori.
E Sleuth è decisamente un capolavoro.
Lasciateci perciò essere scettici sul remake di prossima uscita (9 novembre in Italia): nonostante la benedizione dell’ormai stagionato Caine, che stavolta interpreta il ruolo che fu di Olivier, c’è il rischio che il remake faccia la solita, brutta (e un po’ meritata) fine.
 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
a cura di Emanuele P. (del 03/11/2007 @ 10:01:53, in Al Cinema, linkato 2594 volte)

Il caso Thomas Crawford
(Fracture)
Gregory Hoblit, 2007 (Usa), 113’
uscita italiana: 2 novembre 2007
voto su C.C.

Gregory Hoblit (il discreto regista di Schegge di paura) esagera con i cliché sin dalla scelta del cast.
Sceglie il cattivo di fiducia, Sir Anthony Hopkins, il classico sbarbatello in carriera (Ryan Gosling) e aggiunge qualche bella donna tanto per fornire il giusto “colore” (Rosamund Pike, Embeth Davidtz). Non contento decide con gli sceneggiatori Pyne e Gers – a giudicare dai cognomi sarebbero un ottimo duo comico – di infarcire la trama con tutta una serie di ovvietà disarmanti: lo spietato e calcolatore omicida che ricusa il suo avvocatucolo e decide di difendersi da solo in tribunale, l’inciucietto fatto di corna e vendette, una serie di calcolatissimi e discutibili cavilli tecnico-legali sono solo parte degli espedienti triti e ritriti che vengono proposti allo spettatore in due infinite ore di pellicola.

La storia vorrebbe essere un originale legal thriller: marito cornuto ma dall’intelligenza diabolica (Hopkins), tenta di uccidere la moglie rea di averlo tradito con un prestante tenente (Billy Burke), riuscendo ad organizzare l’ormai abusatissimo “delitto perfetto”. La perfezione consiste non tanto nel mascherare ogni sua mossa – il tapino addirittura confessa al poliziotto le sue colpe – ma quanto nello sfruttare con abilità un sostituto procuratore (Ryan Gosling) distratto dall’ormai apparentemente prossimo “cambio di carriera”.

Oltre ad essere insostenibilmente lungo, Fracture non riesce mai a coinvolgere lo spettatore in una presunta atmosfera di tensione/apprensione che i mille cliché usurpati tenterebbero di costruire.
Hoblit prova a mettere in campo anche tutta una serie di ormai davvero obsoleti dilemmi moral-filosofici sul ruolo degli avvocati, delle prove, della giustizia, raggiungendo l’unico obiettivo di far assopire lo spettatore.
Manca infine il coraggio di dare un senso alla situazione con un finale sufficientemente “cattivo” o comunque spiazzante: c’è invece un insopportabile pastrocchio degna conclusione di un film davvero inutile.

 Permalink   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1


online dal 16 ottobre 2006

Titolo
Al Cinema (196)
Amarcord (63)
Anteprime (33)
Cattiva Maestra Televisione (13)
Contenuti Speciali (43)
Frames (29)
Professione Reporter (5)
Re per una notte (63)
Sentieri Selvaggi (9)
Uno Sparo Nel Buio (4)

Post del mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017

Gli interventi più cliccati


Cerca per parola chiave
 


Titolo
Logo (33)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Blog segnalato da:












Giudice su:




Inland Empire Aggregator









Net news di Informazione Libera


Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog






Creative Commons License
I testi sono pubblicati sotto una 
Licenza Creative Commons.


27/02/2017 @ 19:12:23
script eseguito in 63 ms