\\ Ingresso : Articolo : Stampa
Facciamola finita: parodia dell’apocalisse per le star di Hollywood
a cura di Guest (del 13/01/2014 @ 19:32:28, in Contenuti Speciali, linkato 5437 volte)



Facciamola finita
(This is the End)
Seth Rogen, Evan Goldberg, 2013 (USA), 107'
uscita italiana: 18 luglio 2013
release Bluray: 20 novembre 2013

Come reagirebbero le celebrità hollywoodiane se nel bel mezzo di una festa scoppiasse l’apocalisse? E’ l’idea di partenza dei giovani registi Evan Goldberg e Seth Rogen, produttori cinematografici, colleghi e amici di vecchia data, che in modo sfrontato e senza inutili moralismi, hanno messo in scena una commedia un po’ splatter che negli Stati Uniti ha fatto molto parlare di sé.

La particolarità di “Facciamola finita” (titolo originale “This is the end”) sta nel fatto che tutti gli attori del cast interpretano se stessi (o, almeno, una caricatura di sé), e che anche alcune importanti guest star internazionali si sono prestate al gioco, tra le quali Rihanna e Emma Watson, per citare qualche nome.

La trama: tutto ha inizio con l’arrivo di Jay Baruchel a Los Angeles per far visita a Seth Rogen. In serata quest’ultimo, nonostante le tentate resistenze di Jay, convince l’amico a partecipare ad una festa per l’inaugurazione della lussuosa nuova villa di James Franco. Tutto sembra procedere normalmente: sesso, musica, droga e sballo. Ma ad un tratto un gran frastuono: nel giardino si apre uno squarcio profondissimo con annessa gola incandescente, in cui gran parte degli invitati viene inghiottita, le colline circostanti sono misteriosamente in fiamme, dal cielo penetrano raggi blu che risucchiano la gente, e tutti tentano di fuggire tra il caos generale. Degli invitati alla festa, soltanto sei i fortunati che riescono a sopravvivere, barricandosi nella casa di James. A questo punto si fa l’inventario delle provviste per resistere fino all’arrivo dei soccorsi: poca acqua, tante lattine di birra, un po’ di cereali, 15 grammi di Sour Diesel, 30 funghi allucinogeni, una scatola di cereali ma soprattutto un unico, irresistibile snack, che sarà conteso per tutto il corso del film. Da questo momento in poi per i sei protagonisti sarà una continua lotta per la sopravvivenza e… la salvezza dell’anima. In fondo è in atto l’apocalisse, e presto gli amici capiranno che non c’è altra via di fuga se non quella di conquistarsi un posto in paradiso. 

Il lungometraggio è uscito nelle sale statunitensi lo scorso giugno 2013, registrando più di 95 milioni di dollari d’incassi e classificandosi secondo al box office nella prima settimana di programmazione. La commedia è arrivata nei cinema italiani in luglio, ma il pubblico non l’ha accolta con lo stesso entusiasmo, tanto da passare quasi inosservata.

La scenografia un po’ prevedibile e il linguaggio esageratamente scurrile, sono però accostati a situazioni paradossali, a momenti talmente demenziali e colonne sonore al limite dell’assurdità, che rendono il film incredibilmente divertente, tanto da essersi conquistato il consenso americano sia di botteghino che di critica.